• Home / CITTA / Processo Marlane: la sentenza è attesa per le 20

    Processo Marlane: la sentenza è attesa per le 20

    Non arriverà prima delle 20.00 di questa sera la sentenza del processo Marlane. L’udienza è iniziata questa mattina presso il tribunale di Paola. Coinvolti nella vicenda 13 imputati, tutti legati a quella che negli anni è diventata la “Fabbrica dei veleni” (APPROFONDISCI QUI) e che secondo la pubblica accusa ha causato la morte di più di 100 persone tra dipendenti e cittadini di Praia a Mare, comune dove si trova l’ex lanificio (LEGGI QUI LA STORIA).

    Secondo l’impianto accusatorio il gruppo Marzotto e la Eni, entrambi proprietari, anche se in periodi storici differenti della fabbrica, non potevano non sapere. Per questo anche loro sono stati rinviati a giudizio per vari capi di imputazione (LEGGI QUI LE RICHIESTE DI CONDANNA DEI PM). Nello specifico i pm Linda Gambassi e Maria Camodeca hanno chiesto 6 anni di reclusione per il conte di Valdagno Pietro Marzabotto, ex Presidente del gruppo. Per Carlo Lomonaco due volte sindaco di Praia a Mare a processo nella qualità di responsabile del reparto tintoria vengono chiesti dieci anni, mentre per Silvano Storer, ex amministratore delegato del gruppo, sono stati chiesti 5 anni di reclusione. Stessa sorte per Jean De Jaegher, consigliere dell’associazione europea delle industrie tessili e presidente della Marzotto Usa dal ’95 al ’98, per il quale sono stati richiesti 5 anni di reclusione.

    Cinque anni anche per Lorenzo Bosetti (ex-sindaco di Valdagno e consigliere delegato e vicepresidente della Lanerossi), 8 anni per Vincenzo Benincasa, 3 anni per Salvatore Cristallino, 4 anni e 6 mesi per Giuseppe Ferrari, 7 anni e 6 mesi per Lamberto Priori, 5 anni per Ernesto Antonio Favrin, vicepresidente vicario della confindustria veneta, e 3 anni e 6 mesi per Attilio Rausse. Solo una richiesta di assoluzione per Ivo Comegna per non aver commesso il fatto.