• Home / RUBRICHE / Storie / Federalismo: la Sicilia presenta il conto

    Federalismo: la Sicilia presenta il conto

    sicilia1.jpg
    di Giusva Branca
    – La Sicilia presenta il conto ed è un conto, sfruculiato dal federalismo, salatissimo. I lavori – complicati assai – che porteranno alla bozza finale di federalismo fiscale stanno sollecitando pruriti legittimati da Statuto e norme costituzionali.

    La proposta di ripartizione delle risorse, così come da modello proposto dal Pdl, ha fatto improvvisamente ricordare ad una delle più importanti Regioni del Paese che lo sbarco incruento – salvo la battaglia nella piana di Catania – e sul velluto degli alleati che il 10 luglio del 1943 avviarono l’operazione “Husky” ebbe un prezzo.

    In verità la storia ci ha detto che ne ebbe due, ma di uno non  si può parlare, visto che appartiene a quella storia non scritta e spesso inconfessabile che, in questo caso, garantì decenni di “quieto vivere” alla mafia tramite un codicillo assai ambiguo al trattato delle condizioni di pace che garantiva di non potere perseguire in alcun modo e per nessun motivo coloro che avevano agevolato lo sbarco degli Alleati.

    Questo codicillo spiegò i suoi effetti per almeno 20 anni dal 1945.

    Ma, dicevamo, il prezzo che sta tornando a galla oggi riguarda la contropartita per sopire le ambizioni indipendentiste dell’isola e che portò, tra l’altro, allo Statuto speciale siciliano.

    Ora, è vero che le Regioni a Statuto speciale in Italia sono ben cinque (sei se si considera che in Trentino sono a Statuto speciale le singole province di Trento e Bolzano), ma l’autonomia siciliana è tutta un’altra cosa e, soprattutto, in questi 60 anni, è stata applicata in minima percentuale.

    Ed in tempo di federalismo spinto – almeno sul piano dell’accezione – più di qualcuno al di là dello Stretto si è ricordato che, ad esempio, a norma di legge costituzionale (combinato disposto con lo Statuto siciliano) ogni tipo di tassazione su qualunque produzione avvenga in Sicilia deve restare, al 100% nell’isola, a partire, ad esempio, dalle accise sui prodotti petroliferi.

    La partita è appena cominciata