• Home / PUBLIREDAZIONALE / Publiredazionale / Grande partecipazione alla “Reggio Calabria Tattoo Convention”. A lavoro per la seconda edizione

    Grande partecipazione alla “Reggio Calabria Tattoo Convention”. A lavoro per la seconda edizione

    Grande successo per la prima edizione della “Reggio Calabria Tattoo Convention” organizzata dall’associazione Taag al Pala Botteghelle. Una due giorni intensa dedicata all’arte del tatuaggio che ha messo in contatto e a confronto gli appassionati del tattoo con l’universo dei professionisti nazionali ed internazionali.

    Tatuatori specializzati in diversi stili, dal tradizionale, al realistico, dal geometrico, al new school hanno affascinato appassionati e non del tatuaggio con vere e proprie “opere d’arte” realizzate su pelle.
    “Il Tattoo è diventata una vera e propria arte, rappresentare sul corpo vari soggetti, non è moda ma pura inventiva, creatività, studio e ricerca – afferma il direttore artistico dell’evento Gennaro Venanzi – Siamo contenti di aver portato a Reggio Calabria una kermesse del genere e pian piano, stiamo riuscendo a far conoscere questa bellissima realtà sul nostro territorio. Sono 16 anni che faccio il tatuatore e da 8 anni, lavoro insieme ad un affiato team, alla realizzazione della “Reggio Calabria Tattoo Convention”. L’anno scorso, siamo riusciti a concretizzare le nostre forze rappresentando quest’anno un evento che ha coinvolto 150 tatuatori provenienti da tutta Italia, dagli Stati Uniti, da Malta. Abbiamo avuto grandissimi nomi del tatuaggio internazionale e nazionale venuti in riva allo Stretto per mostrare quanto lavoro, fatica e dedizione ci sia dietro un tatoo”.
    Un appuntamento che si conferma come una delle più importanti manifestazioni del settore a livello nazionale e che ha visto anche la partecipazione non solo di visitatori calabresi ma anche appassionati dalla Sicilia e dalla Puglia.
    “Siamo riusciti in questi due giorni, a creare un indotto importante su Reggio dal punto di vista economico, della ristorazione, degli alberghi: un aiuto necessario per la nostra città affinchè si sollevi da questa situazione di stasi – aggiunge Venanzi – L’idea del tatuaggio è cambiata: se 40 anni fa era malvista, oggi ci sono tatuatori che non solo si occupano di tatuaggi ma sono veri artisti che si occupano a 360° di tutto ciò che viene rappresentato su pelle. Stiamo lavorando alla seconda edizione della “Reggio Calabria Tattoo Convention” con importanti novità e sorprese per continuare a valorizzare un concetto di cultura versatile e moderna, di un’arte allo stesso tempo antica e eternamente indelebile nella sua spiritualità”.