• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: Rifondazione comunista pronta al contrattacco

    Reggio: Rifondazione comunista pronta al contrattacco

    “Le promesse sfavillanti del centrodestra si stanno ormai rivelando, alla prova dei numeri e dei fatti, per quelle che sono e in un Paese sempre più attraversato dal bisogno di un’autentica opposizione, Reggio Calabria non rappresenta certo un’eccezione. Nella città dello Stretto, quindi, come nel resto d’Italia, Rifondazione comunista è pronta a farsi interprete di questo bisogno, imprimendo un nuovo slancio all’impegno che la vede forza di opposizione all’interno del Comune”. Così il capogruppo di Rifondazione comunista in Consiglio regionale, Nino De Gaetano, che saluta come “un’occasione preziosa di riflessione” l’assemblea pubblica di sabato prossimo presso il Consiglio regionale della Calabria. “Organizzato dal Prc per analizzare ragioni e prospettive dell’opposizione all’amministrazione di centrodestra, l’incontro – aggiunge De Gaetano – può davvero segnare l’avvio di una stagione più incisiva sul piano del confronto politico-amministrativo all’interno di Palazzo San Giorgio dove Rifondazione comunista, nonostante il peso dei numeri espressi dall’aula e una certa, colpevole sonnolenza dei banchi della minoranza, ha finora interpretato il suo compito con tenacia e impegno. Le troppe incognite sul futuro della città, i dubbi su una situazione finanziaria sospettosamente mantenuta top secret, l’attesa dei precari del Comune cui si continua a non dare risposta, le costose operazioni di marketing cittadino che hanno lasciato le periferie in balia del degrado e degli allagamenti richiedono, però, un ulteriore sforzo, una capacità di fare sistema aprendosi a quella società civile che è chiamata ad unirsi alla voce dell’opposizione. Per farsi sentire, però, e risuonare credibile, questa voce deve anche imparare a risuonare più compatta, evitando autolesionistiche contrapposizioni in cui l’obiettivo ultimo si smarrisce. Confido che la riflessione collettiva di sabato possa dare una mano anche in questa direzione offrendo un’opportunità di chiarimento e confronto tra gli stessi protagonisti di un impegno che per dare i frutti sperati deve essere comune”.