• Home / CITTA / Reggio Calabria / Mammola, parla il presidente della Pro loco

    Mammola, parla il presidente della Pro loco

    Dopo 5 anni molto positivi  anche la Pro Loco di Mammola sarà costretta fare  ameno dei ragazzi del servizio civile. Il presidente  della locale associazione Pino Agostino  dichiara:” E’ triste costatare che la nuova legge finanziaria dovendo tagliare, lo fa nelle cose di una certa valenza per tutta la collettività, poiché i nostri ragazzi impegnati nel  servizio civile sono state fino a oggi una vera risorsa considerato l’ottimo lavoro svolto anche come guide turistiche per i migliaia di visitatori che giungono ogni fine settimana nel nostro paese ricco di storia e tradizioni”. Il presidente della locale Pro Loco Mammolese inoltre aggiunge:”La mia associazione per far fronte alle numerose richieste  di visite provenienti da tutta la penisola  ha pensato di mobilitare tutti gli associati  che sono pronti a dare un apporto in questo momento di grande difficoltà, con la speranza come più volte promesso dal ministro di stato Giovanardi di riaprire i “bandi”, continuando a dare un’efficace opportunità di lavoro a parecchi giovani della nostra comunità”. La Pro Loco di Mammola da tempo  ha avviato grazie all’ottimo lavoro svolto dai ragazzi del servizio civile con  successo  un  percorso di valorizzazione  gastronomica dello stoccafisso,  promuovendo  positivamente il   nostro territorio,convinta del  ruolo fondamentale del fenomeno enogastronomico per la comunità Mammolese . La Pro loco e anche impegnata da qualche giorno con tutti i componenti del suo direttivo ad  una sontuosa programmazione delle iniziative Natalizie,a giorni inizieranno i lavori del presepe che verrà collocato in piazza Ferrari.   Per questo grande evento è stata coinvolta anche la locale Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Antonio Longo che ha gia addobbato il paese di luci Natalizie e stelle di Natale confermandosi come uno dei primi comuni ad adornare in festa tutte le vie principali e soprattutto lo splendido borgo antico.

     Nicodemo Barillaro