• Home / CITTA / Reggio Calabria / San Luca, nel processo in 43 chiedono rito abbreviato

    San Luca, nel processo in 43 chiedono rito abbreviato

    Sono saliti a 43 gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato nell’ambito del procedimento contro i presunti affiliati alle cosche di San Luca Nirta-Strangio e Pelle-Vottari. Oggi, infatti, ha chiesto il rito abbreviato anche Gianfranco Antonioli, il latitante arrestato due giorni fa dalla polizia ad Aprilia (Roma). Richiesta accolta dal gip che, al termine della camera di consiglio, ha deciso anche per il rinvio a giudizio degli altri 15 imputati. Il processo per questi ultimi e’ stato fissato per l’11 novembre davanti ai giudici della Corte d’assise di Locri. Tra le persone che sono state rinviate a giudizio figurano alcuni componenti dei clan ancora latitanti, a cominciare da Giovanni Strangio, accusato di essere l’autore della strage di Duisburg che, pero’, in questo processo e’ imputato solo di associazione mafiosa. Gli atti relativi alla strage di Ferragosto, infatti, sono stati stralciati. (ANSA).