• Home / CITTA / Catanzaro / Un modello di sostenibilità ambientale da esportare: Zagarise il comune virtuoso
    Zagarise

    Un modello di sostenibilità ambientale da esportare: Zagarise il comune virtuoso

    Il comune di Zagarise, in provincia di Catanzaro, è il primo in Italia a impiegare un depuratore all’ozono per le acque reflue da riutilizzare in agricoltura. A darne notizia Il Sole 24 ore, in un articolo che sottolinea anche come il centro presilano sia stato anche il primo in Calabria a dotarsi di un compostatore meccanico per rifiuti organici diventando così un comune virtuoso ad impatto zero.
    L’impianto all’ozono, si legge sul quotidiano di Confindustria, sarà installato prossimamente in alcuni locali del comune. Con il suo potere ossidante, il gas (che non produce fanghi, degrada gli inquinanti senza lasciare residui, non apporta salinità all’acqua e la disinfetta evitando l’uso di cloro), aumenta in particolare la biodegradabilità del refluo migliorando le caratteristiche generali delle acque. Una volta purificate, verranno utilizzate per irrigare i campi.

    Da tempo impegnato nel progetto “Rifiuti, legalità e lavoro” che oltre a ridurre il conferimento dell’umido nelle discariche, è stato incentrato nella creazione di posti di lavoro e nel recupero della legalità nel settore dei rifiuti difendendo l’ambiente.

    Per valorizzare la sostenibilità ambientale, il patrimonio culturale e quello naturalistico, l’amministrazione di Domenico Gallelli, organizza dal 19 al 23 ottobre il festival Giardini delle Esperidi, 5 giorni di eventi che coinvolgeranno anche i vicini centri di Albi e Magisano.

    E sempre nel contesto iniziative a favore del territorio, si inserisce il cantiere-evento di Pensando Meridiano, l’associazione fondata da Consuelo Nava che con il suo staff e la partecipazione dei più giovani riqualificherà parte del paesaggio con un’azione di #Ruralmakinglab.