• Home / CITTA / Niente ricette per medici di base? A Mosorrofa e non solo, è realtà. Pazienti senza farmaci
    ricettari

    Niente ricette per medici di base? A Mosorrofa e non solo, è realtà. Pazienti senza farmaci

    “E’ una cosa da far rabbrividire”. Un commento chiaro che arriva dall’associazione di volontariato “Forza Reggio”. Già da qualche giorno si vocifera della assenza dei ricettari medici per prescrivere medicine e prestazioni sanitarie ai pazienti. Oggi la denuncia di un caso specifico da parte dell’associazione. Pare infatti che da qualche giorno nello studio medico di Mosorrofa il dottore Pellicanò abbia finito i ricettari “quindi – scrivono – niente ricette per nessuno e chi giustamente non si ritrova i soldi per poter acquistare delle medicine importanti e costose, non ha altro da fare che rivolgersi al Pronto Soccorso”.
    Forza Reggio segnala anche il caso di una paziente che ha subito tempo fa l’asportazione della gamba sinistra e che usa un anticoagulante quotidianamente e non avendo possibilità economiche dovrà recarsi al pronto soccorso con notevoli problematiche.
    “La sanità Calabrese e reggina – aggiungono – è al collasso. I Commissari nonostante questa ennesima emergenza non prendono provvedimenti come se fossimo nell’anno zero. Si stanno violando i diritti principali che ognuno di noi ha”.

    Ed è di ieri la lettera di un lettore che racconta la stessa problematica:

    “Forse è opportuno informare i cittadini circa il problema ricette mediche di cui i Medici di base sono sprovvisti da diversi giorni…viene riferito dagli stessi che il problema potrebbe persistere per oltre un mese…come mai non si parla di un argomento così importante? Tutti pagano le tasse, ma molti non sono nelle condizioni economiche di poter acquistare le medicine, più o meno costose! E’ vergognoso che tale problema che si ripete nel tempo costantemente da circa un anno a questa parte, non venga risolto con la massima urgenza e non venga trattato a dovere! E’ una assurda realtà che mortifica gran parte dell’onesto popolo calabrese!”.