• Home / CITTA / Sel Messina interviene sulla paventata chiusura dell’Ospedale Piemonte
    ospedale-piemonte-messina

    Sel Messina interviene sulla paventata chiusura dell’Ospedale Piemonte

    La Federazione Provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà di Messina, con la coordinatrice Daria Lucchesi e il responsabile delle Politiche sociali Giovanni Tomasello, interviene sull’Ospedale Piemonte: “Stiamo assistendo con motivata preoccupazione alla paventata chiusura dell’Ospedale Piemonte di Messina, alla luce delle ultime decisioni prese dal dottor Michele Vullo, direttore generale degli Ospedali Riuniti Papardo-Piemonte. Decisione che, siamo coscienti, il dottor Vullo ha preso perché costretto da una direttiva dell’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino, che prevede non la creazione del Polo Materno Infantile al “Piemonte”, bensì l’accorpamento delle due unità di Ginecologia e Ostetricia dei due Ospedali direttamente nel nosocomio del Viale Europa. E così è stato deciso lo scorso 6 agosto dal direttore generale”.
    “Sel Messina si schiera contro questa decisione, che priverà il bacino d’utenza della zona nord di un importante punto di riferimento per chi abita in un territorio molto vasto, compreso tra Ganzirri e Ponte Gallo. Auspichiamo un ravvedimento in extremis da parte dell’assessore Borsellino rispetto a un provvedimento che provocherà disagi difficilmente superabili, vista l’enorme distanza da coprire (oltre un’ora di auto) dalla zona nord all’Ospedale Piemonte. Infine, ci chiediamo con preoccupazione: stiamo assistendo all’ennesima prova di forza per chiudere l’Ospedale Piemonte?”, sottolineano gli esponenti dell’organismo provinciale di Sel.