• Home / CITTA / Gioia Tauro: 21 i fermi delle cosche

    Gioia Tauro: 21 i fermi delle cosche

    Le teste pensanti delle cosche Piromalli e Mole’ di Gioia Tauro, le piu’ potenti della ‘ndrangheta, sono state decapitate da un’operazione coordinata dalla Dda di Reggio Calabria che ha portato al fermo di 21 persone tra presunti affiliati, imprenditori e professionisti accusate di associazione mafiosa. Nel provvedimento di oltre 1026 pagine, firmato dal procuratore di Reggio, Giuseppe Pignatone, e dai suoi sostituti Boemi, Di Palma, Pennisi, Prestipino, e Miranda, c’e’ praticamente tutta la storia delle due famiglie una volta strettamente legate, anche per vincoli di parentela, ma che gli affari milionari del porto di Gioia Tauro hanno portato, negli ultimi mesi, a dividersi ed entrare in contrasto negli ultimi mesi. L’accelerata all’inchiesta, iniziata oltre un anno fa, e’ stata data per il pericolo che l’omicidio del boss Rocco Mole’, ucciso il primo febbraio scorso, potesse aprire una stagione di sangue nella piana di Gioia Tauro. I fermi sono stati eseguiti dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dai Ros dei carabinieri tra la Calabria, Roma e Milano. Nell’elenco delle persone fermate figura anche il nome di Aldo Micciche’, un faccendiere originario di Marapoti, un centro poco distante da Gioia Tauro, in passato (negli anni ’80) dirigente della Democrazia cristiana. Da anni si e’ rifugiato in Venezuela ed e’ al centro di una inchiesta della Dda reggina, che nasce da quella che ha portato ai fermi, su presunti brogli degli italiani all’estero alle ultime elezioni. Brogli che, secondo l’accusa, avrebbero dovuto portare ad un’attenuazione del regime detentivo del 41 bis che Micciche’ avrebbe cercato di ottenere mettendosi in contatto con il senatore Marcello Dell’Utri. Alcune telefonate sono riportate nel provvedimento di fermo dei magistrati della Dda di Reggio Calabria di 1.026 pagine. (ANSA).