• Home / CALABRIA / La Calabria alla Bit di Milano: ‘Nel 2013 calo del turismo del 3%’
    Bit 2015

    La Calabria alla Bit di Milano: ‘Nel 2013 calo del turismo del 3%’

    Calabria regione a vocazione turistica? Pare proprio di no e ad avvalorare il trend negativo del settore in regione, anche i politici. L’Assessore regionale ai trasporti Nino De Gaetano ed il Dirigente generale del Dipartimento “Turismo” Pasquale Anastasi, infatti, hanno presentato oggi, nel corso di un incontro con i giornalisti, alla Bit di Milano, i dati relativi all’andamento turistico in Calabria. Il Dirigente Anastasi – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale – ha detto che nell’anno appena passato gli arrivi, nella nostra regione, sono stati 1,4 milioni e 7,7 milioni le presenze. Un dato che vede un calo di circa il 3% rispetto all’anno precedente, “tuttavia – ha detto Anastasi – va ricordato che negli ultimi quindici anni la Calabria è la regione italiana che ha visto il maggiore incremento di turismo del Paese. Dal rapporto che la Regione ha presentato anche negli altri anni emerge che il dato principale è legato alla presenza turistica in Calabria di italiani, circa l’80%, ossia oltre un milione di arrivi, rispetto ai duecentoquarantunomila di arrivi stranieri e, tra questi, il maggior numero è quello tedesco. Poi vi sono i russi, i francesi, i polacchi , austriaci e slovacchi. Il rapporto conferma anche la caratteristica di un turismo estivo. Secondo quanto dichiarato dall’Assessore De Gaetano e da Anastasi, i numeri confermano che l’ attrattiva maggiore della Calabria rimane il mare. L’Assessore De Gaetano, in particolare, ha parlato dell’incremento di alcuni voli come quello da Pisa e Bologna e, dal prossimo agosto, da Genova e Venezia. Alla Bit De Gaetano ha incontrato alcuni responsabili di “Blue Panorama”, compagnia che ha sempre lavorato sullo scalo di Reggio e che ha intenzione di far crescere alcuni voli nazionali passando a frequenze quotidiane. “Di certo vogliamo valorizzare tutti e tre i nostri aeroporti, a partire da quelli che sono più in difficoltà, cioè Reggio e Crotone, senza per questo dimenticare il nostro scalo internazionale che è Lamezia”