• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Migliori Piastre per Capelli: quale scegliere?

    Migliori Piastre per Capelli: quale scegliere?

    Creare una piega o un’acconciatura come quelle realizzate dal proprio parrucchiere a casa non è facile. La natura del proprio capello, infatti, spesso rende più difficoltosa la realizzazione di una piega liscia o di onde perfettamente modulate. Ecco perché la tecnologia a portata di mano, in questo caso, facilita le cose.

    In particolare, le piastre per capelli sono i dispositivi più utilizzati e pratici nel mondo dell’hair-styling. La piastra è uno strumento versatile che può aiutarvi a ottenere diverse acconciature con un solo apparecchio: lisciare, arricciare, ottenere onde da spiaggia e molti altri look in voga.

    Inoltre, grazie alla loro forma compatta, permettono di risparmiare spazio nella valigia, senza aver bisogno di ulteriori dispositivi arricciacapelli o ferri ondulanti.

    Tuttavia, si è sempre molto indecisi su quali siano le migliori piastre per capelli, in base anche (e non solo) alla natura del proprio capello e alla funzionalità della piastra. Vediamo insieme, allora, alcune delle migliori piastre per capelli in base a componenti, punti forti e deboli e rapporto qualità prezzo.

    Quale piastra per capelli scegliere?

    Il mondo degli styler per capelli, soprattutto negli ultimi anni, si è ampliato e migliorato raggiungendo risultati eccezionali, introducendo sempre più dispositivi all’avanguardia per lo styling, dalle piastre per capelli alle spazzole rotanti.

    Le piastre per capelli si differenziano l’una dall’altra in base a caratteristiche tecniche e strutturali, ma soprattutto in base alla concreta funzionalità nella stiratura dei capelli. I modelli a disposizione sul mercato sono numerosi. Tuttavia, possiamo stilare una classifica delle migliori piastre per capelli in circolazione al momento, prendendo in considerazione caratteristiche tecniche, rivestimento, tecnologie e dimensioni.

    Caratteristiche tecniche e strutturali

    Per realizzare uno styling liscio nel modo corretto, una buona piastra per capelli deve garantire alla propria chioma un risultato elegante e duratura, bloccare l’effetto crespo e ridurre al minimo il passaggio della stessa sulle fibre capillari.

    La pressione che le piastre riscaldate esercitano sul capello allunga e appiattisce le fibre in modo più efficace rispetto ad altri strumenti di styling. Tuttavia, è importante che la piastra abbia caratteristiche ottimali per non incorrere in spiacevoli risultati. Abbiamo raccolto per voi, infatti, le tre caratteristiche principali per determinare le migliori piastre per capelli: ceramica, tormalina e titanio.

    Piastre in ceramica

    Le piastre in ceramica sono le più convenienti e abbordabili sul commercio. A differenza delle altre due, quelle in ceramica non si surriscaldano facilmente, rendendo l’efficienza positiva a seconda della salute e della consistenza dei capelli.

    Le piastre in ceramica, infatti, distribuiscono il calore in modo abbastanza uniforme, scivolano sui capelli in modo fluido e lasciano il capello lucido e sano. Inoltre, molte case produttrici, in abbinamento a questo specifico materiale, introducono due particolari trattamenti:

    • trattamento alla cheratina, il quale è in grado di rendere il capello ancora più splendente e forte;
    • trattamento agli ioni, efficace e ottimale per eliminare la carica elettrostatica dei capelli.

    Piastre in tormalina

    Le piastre in tormalina possiedono, generalmente, una base in ceramica con un rivestimento minerale di tormalina, offrendo così un doppio effetto di protezione e morbidezza al capello.

    Le piastre in tormalina sono ottime per creare uno styling liscio senza la comparsa del temuto effetto crespo, e questo è possibile grazie all’emissione di ioni negativi. Questo processo, infatti, leviga la cuticola del capello aiutando a contrastare gli ioni positivi nei capelli secchi o danneggiati. Inoltre, trattiene l’idratazione del capello nonostante utilizzi meno calore rispetto ad altri tipi di piastre, permettendo di ottenere una chioma più setosa.

    La tormalina, infatti, offre una barriera difensiva contro il calore eccessivo e, come per la maggior parte degli strumenti di riscaldamento moderni, la possibilità di regolare le impostazioni di temperatura rende questa piastra un’ottima scelta per qualsiasi tipo di capello.

    Piastre in titanio

    Il titanio è un metallo forte e resistente, adatto all’uso professionale in salone. Queste piastre, infatti, si riscaldano più rapidamente e distribuiscono il calore in modo più uniforme rispetto alle piastre in ceramica o in tormalina, consentendo un minor numero di passaggi sui capelli, una finitura più liscia e risultati migliori.

    I risultati di questo particolare tipo di piastra si possono osservare meglio su un tipo di capello riccio o più spesso, poiché, a causa dell’elevato trasferimento di calore, le piastre al titanio possono causare danni se usate su un tipo di capello sottile o già danneggiato. Il trasferimento di calore del titanio è intenso e rapido e, se usato frequentemente o in modo improprio, può creare danni da calore e rotture irreversibili.

    Le tre migliori piastre per capelli

    Le piastre per capelli attualmente hanno un prezzo sul mercato che può variare in termini di modelli innovativi, brand e particolari tecnologie. Il prezzo è sicuramente un valore indicativo che riguarda, soprattutto, tecnologia, rivestimento, alimentazione, funzioni e materiali.

    Tenendo in considerazione diverse variabili, e in base anche alle recensioni e alle esperienze, vi presentiamo le tre migliori piastre per capelli disponibili in commercio. Per capire meglio le caratteristiche di ognuna e avere una comparazione migliore in termini anche di prezzo, vi consigliamo di consultare piattaforme come ilprodottomigliore.it.

    1.    Dyson Corrale – Migliore in assoluto

    La piastra per capelli Dyson Corrale è la preferita dagli esperti di hair-styling. L’assoluta novità di questa piastra è il design sena fili, il quale la rende molto più pratica, agevole e facile da utilizzare per uno styling più veloce e senza sforzo.

    Invece delle tradizionali piastre in ceramica o titanio, la Dyson Corrale è dotata di piastre in lega di rame e magnesio che, secondo il marchio, possono facilmente modellarsi intorno ai capelli e avvolgerli. La piastra offre 30 minuti di utilizzo senza cavo, tre temperature preimpostate e si spegne automaticamente dopo 30 minuti.

    L’apparecchio è dotato di una serie di sensori di temperatura in grado di regolare in modo costante la superficie delle piastre, in modo che il calore non superi mai l’impostazione scelta. Questa caratteristica limita notevolmente i danni al capello.

    2.    GHD Platinum Plus – Ottimo rapporto qualità prezzo

    La piastra GHD Platinum Plus è il set di piastre più intelligente, elegante e sicuro in commercio attualmente. Una delle cose più straordinarie di questo dispositivo è la rapidità con cui si riscalda: esattamente 15 secondi.

    Questa piastra per capelli è dotata di una tecnologia che adatta il calore ai propri capelli. È dotata, infatti, di un’unica impostazione di calore – con una temperatura ottimale di 185°C. Ma il calore è costantemente monitorato grazie a sensori presenti sulle piastre, il che significa che la potenza viene regolata di conseguenza.

    Rispetto ad altre piastre in commercio, la tecnica dell’impostazione di calore fissa e adattabile, assicura capelli più forti e una lucentezza superiore. Il calore, infatti, viene monitorato oltre 250 volte al secondo grazie ai sensori infiniti presenti sulle piastre, che garantiscono una lettura precisa.

    Che tu abbia capelli ricci, crespi o sottili e danneggiati, l’effetto complessivo della piastra GHD Platinum Plus  e uno styling perfettamente liscio, lucido e sano.

    3.    L’Oréal Professionnel Paris SteamPod 3.0 – La più economica

    Questa piastra è l’ultima innovazione brevettata di l’Oréal Professionnel Paris. Rispetto alle altre ha una sostanziale e importante differenza: si tratta, infatti, di una piastra professionale a vapore.

    A differenza delle normali piastre per capelli, lo Steampod 3.0 utilizza una combinazione di vapore ad alta pressione e piastre riscaldate per lisciare al meglio i capelli, senza rovinare la fibra capillare. Il vapore viene rilasciato da una serie di piccole sezioni che si trovano lungo un lato delle piastre oscillanti in ceramica, mentre l’acqua viene immagazzinata in un piccolo serbatoio.

    Questo apparecchio richiede l’uso di acqua demineralizzata, e non solo quella del rubinetto, in modo da evitare le incrostazioni. Lo Steampod è dotato, inoltre, di un pettine rimovibile lungo il lato delle piastre che aiuta a guidare le ciocche, a creare una finitura più liscia e a facilitare lo styling, soprattutto per chi ha i capelli più spessi.

    La piastra è molto facile da usare ed è possibile regolare la temperatura da un minimo di 180 gradi a un massimo di 210 gradi. Una luce verde lampeggerà, inoltre, per avvisare che si sta riscaldando e, dopo circa 30 secondi, smetterà di lampeggiare ed emetterà un leggero sibilo di vapore per farvi capire che è pronto per l’uso.

    Conclusioni

    Quando si tratta di cura del capello, non è importante solo saper scegliere i prodotti adatti. La scelta di una piastra gioca un ruolo importante in termini di cura e styling dei capelli.

    Al giorno d’oggi la piastra per capelli è uno strumento largamente utilizzato per modellare, rapidamente e facilmente, la propria chioma senza ricorrere al proprio parrucchiere. Tuttavia, bisogna prestare particolarmente attenzione al tipo di piastra e alle caratteristiche, per evitare di rovinare la struttura della fibra capillare.