• Processo Raciti: primo imputato per la morte dell'ispettore

    C’e’ un primo imputato per la morte dell’ispettore di polizia Filippo Raciti, deceduto il 2 febbraio del 2007, durante il derby di calcio Catania-Palermo: e’ Daniele Micale, che e’ stato rinviato a giudizio per concorso in omicidio dal Gip etneo Santino Mirabella. Il ventunenne tifoso del Catania dovra’ comparire il 19 settembre prossimo davanti la Prima corte d’assise di Catania. Il Gip, accogliendo la richiesta dei difensori dell’imputatop, gli avvocati Mimmo Cannavo’ ed Eugenio De Luca, ha intanto fissato l’udienza il 1 luglio prossimo per la costituzione del fascicolo del processo. Secondo l’accusa, Micale, assieme all’allora minorenne Antonino Speziale, avrebbe ferito mortalmente l’ispettore Raciti colpendolo con un lamierino. Per Speziale e’ stata fissata per il prossimo 7 luglio l’udienza preliminare per la sua richiesta di rinvio a giudizio. Un atto che il suo legale, l’avvocato Giuseppe Lipera, ha contestato chiedendone la nullita’ richiamando l’applicazione della legge Pecorella che prevede che il pm disponga l’archiviazione del fascicolo, se non sono sopravvenuti fatti nuovi, nei confronti di un indagato per il quale la Cassazione ha annullato senza rinvio l’ordine di arresto. Micale attendera’ lo svolgimento del processo in stato di liberta’, mentre lo Speziale e’ detenuto in un centro di recupero dove sta scontando una condanna a 2 anni e 6 mesi di reclusione per resistenza aggravata a pubblico ufficiale per i disordini del 2 febbraio 2007. (ANSA)

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.