• Home / Sport / Reggina / Reggina, Menez fa un altro sport

    Reggina, Menez fa un altro sport

    Non ha poi rincorso così tanto gli avversari Jeremy Menez, neanche da quando è arrivato Roberto Stellone.  Il francese non ha l’indole del mediano e mai la avrà. Chiedergli di farlo è stata forse una delle presunzioni che hanno accompagnato il suo scarso rendimento che si è visto per lunghi tratti dei suoi due anni a Reggio.

    Adesso, quando entra in campo, fa la differenza. È successo nelle ultime due partite che ha giocato, inframezzate da un infortunio. Con la giocata che ha propiziato il gol di Lombardi a Parma  e il filtrante che ha generato il rigore del gol a Cremona.  Episodi che si aggiungono a gol decisivi come quelli segnati contro Pordenone,  Pisa e Vicenza.

    Per non parlare del fatto che si rende protagonista di giocate sopraffine, diventa un regista aggiunto e che non cerca mai il passaggio banale.  La lettura complessiva sul giocatore è quella di un calciatore che gioca un altro sport, nel senso è che pensa, agisce ed esegue ad un livello superiore rispetto al resto dei calciatori della categoria.