• Home / In evidenza / Reggina, Toscano: “Quando ho visto la chiamata ho sentito il fuoco dentro, questa squadra ha valori”

    Reggina, Toscano: “Quando ho visto la chiamata ho sentito il fuoco dentro, questa squadra ha valori”

    Mimmo Toscano bis, anzi tris, quater. Difficile fare il conteggio di quante volte l’allenatore, da quando è nel calcio, ha fatto ritorno a casa. Nella città dove è nato, nella squadra di cui è tifoso, nel club dove si è  formato da calciatore ed ha vinto.  Sia in campo che in panchina.  A un anno esatto dal suo esonero la Reggina lo ha richiamato.  Era già sotto contratto.

    “Ringrazio la società – ha esordito il tecnico – perché ha risposto in me e la fiducia e ha capito che potevo essere la persona giusta in questo momento. La motivazione è tanta. Se sono qui è perché le cose non stanno andando per il verso giusto. Ho accettato questa sfida con grande motivazione. Ho  visto che questa squadra ha dei valori che nell’ultimo periodo ha smarrito. Bisogna ritrovarli, perché questo è uno dei campionato più difficili. In questo momento dobbiamo guardarci alle spalle, in questo campionato però le cose possono cambiare rapidamente.  Già sabato abbiamo una partita difficile (con il Como ndr)”.

    “Ho sentito il fuoco dentro quando mi è arrivata la telefonata del direttore. È una bella sensazione tornare a casa e ritrovare un ruolo che mi ha fatto vivere emozioni. Avevo visto la partita vinta a Cosenza e non me lo sarei mai aspettato. Per tornare quelli di quel periodo bisognerà lavorare”.

    Toscano si è già confrontato con il gruppo ed è già tempo di esprimere le prime sensazioni. “Prima di parlare di gioco dobbiamo tornare a muoversi da squadra. Nell’ultimo periodo ho avuto l’impressione ci si muovesse troppo singolarmente. I ragazzi sono dispiaciuti come sempre accade quando un allenatore viene esonerato, bisogna guardare avanti e ritrovarsi. Il tempo è poco”.

    Nella prossima trasferta la Reggina sarà spinta da tanti sostenitori. “Abbiamo bisogno dei tifosi. È facile dirlo. Saltare con la curva nelle giornate felici è una cosa che mi torna in mente. Dipende da noi. Sapere che a Como ci sarà sold out ci fa piacere”.

    Gennaio è vicino. “Il mercato – ha rivelato Toscano –  lo faranno i calciatori. Sarà il campo a dire chi può dare il contributo a questo gruppo. Adesso, però, bisogna parlare di Como e non di gennaio.  Bisogna focalizzarsi su questa partita, in cui bisognerà avere delle risposte.”.