• Home / Primo piano / È Montalto l’uomo derby, la Reggina batte il Cosenza a domicilio

    È Montalto l’uomo derby, la Reggina batte il Cosenza a domicilio

    di Pasquale De Marte – Adriano Montalto è l’uomo copertina di Cosenza-Reggina.   L’attaccante, nel secondo tempo, ha realizzato il gol che ha deciso la sfida del San Vito Marulla. Un gol quello dell’attaccante siciliano arrivato nella stessa porta in cui Erjon Bogdani decise l’ultima gara vinta a Cosenza  dagli amaranto nel 2001.

    Sono tre punti meritati quelli che gli amaranto hanno ottenuto nel derby, in una sfida   che sul piano del gioco non è mai stata in discussione, sebbene gli ospiti avessero difettato in precisione nell’ultimo pasaggio.

    Gli  amaranto hanno controllato l’andamento del match per tutti i novanta minuti. Una prova autorevole, in cui la squadra di Aglietti si è mostrata più forte di quella di Zafferoni, trovando l’episodio decisivo nella giocata del centravanti.

    Partita fatta dalla Reggina, i rossoblu attendono

    È una gara di grande attenzione quella giocata nel primo tempo da Cosenza e Reggina.  Il 4-4-2 amaranto con il 3-5-2 rossoblu, schieramenti tattici chiaro che ben presto hanno rivelato il progetto tattico delle due gare.

    Con Galabinov e Montalto in attacco, con Liotti schierato alto a sinistra, gli ospiti hanno provato a fare la partita.   Un intento concretizzatosi in una manovra finalizzata al cross. Tantissimi i traversoni messi in mezzo dagli esterni amaranto, ma mai è stata trovata la misura giusta nei suggerimenti.

    Il Cosenza  , pur con una difesa rimaneggiata, ha avuto modo di mostrare solidità, avendo anche la prima occasione da rete dell’incontro.  L’ha creata l’ex di turno Situm, bravo a crossare da destra con un pallone su cui Corsi sul secondo palo non è riuscito a fare meglio di una conclusione alta, seppur disturbato.

    Il portiere che, però, si è sporcato i guanti in maniera più seria è stato quello di casa.   Vigorito, che in estate era stato obiettivo della Reggina, è stato super reattivo nel deviare fuori dallo specchio una conclusione aerea  di Cionek, in proiezione offensiva in occasione di un corner.

    Il guizzo di Montalto

    Poi la gara ha comunque visto le due squadre non perdere mai un atteggiamento guardingo di fondo, considerato che anche la Reggina ha dovuto badare a mantenere l’equilibrio per evitare di esporsi alle pericolose ripartenze cosentine lanciate da Caso, a tratti imprendibile sul piano del ritmo.

    La prestazione del primo tempo è stata una prestazione in cui il Cosenza ha davvero chiuso tutti i varchi alla Reggina, con linee di passaggio sempre occupate dall’attenta fase difensiva di Zafferone. Al primo buco, però, gli amaranto hanno trovato il vantaggio. Break di Bianchi a centrocampo, palla orizzonte per Montalto che dal limite ha scagliato un mancino che non ha lasciato scampo a Vigorito.

    Con il Cosenza scoperto alla ricerca del pareggio, la Reggina ha fallito due buone occasioni per il raddoppio: prima con Di Chiara con  una percussione in area e conseguente conclusione fuori misura da posizione ravvicinata defilata, poi con  un tentativo di Cortinovis è finita di poco a lato.

     

    SERIE BKT, 12ª GIORNATA

    COSENZA-REGGINA 0-1

    Marcatore: 55′ Montalto.

    Cosenza (3-5-2): Vigorito; Venturi, Rigione, Pirrello; Situm (85′ Sy), Carraro, Palmiero (76′ Gerbo), Florenzi (68′ Millico), Corsi (85′ Kristoffersen); Caso, Gori (76′ Pandolfi). A disposizione: Saracco, Matosevic, Panico, Vallocchia, Minelli, Sueva. Allenatore: Zaffaroni

    Reggina (4-4-2): Turati; Lakicevic, Cionek, Stavropoulos, Di Chiara; Bellomo (80′ Ricci), Bianchi (68′ Hetemaj), Crisetig, Liotti (68′ Laribi); Montalto (62′ Cortinovis), Galabinov (80′ Tumminello). A disposizione: Micai, Loiacono, Amione, Regini, Adjapong, Denis, Ménez. Allenatore: Aglietti.

    Arbitro: Sig. Antonio Di Martino di Teramo. Assistenti: Valerio Colarossi di Roma 2 e Damiano Di Iorio di VCO. IV ufficiale: Francesco Carrione di Castellammare di Stabia. VAR: Livio Marinelli di Tivoli. A-VAR: Niccolò Pagliardini di Arezzo.

    Note – Ammoniti: Liotti (R), Bianchi (R), Situm (C), Cortinovis (R), Hetemaj (R). Calci d’angolo: 7-5. Recupero: 4’st.