• Home / Sport / Reggina / Reggina, Aglietti: “Inutile guardare la classifica, 7-8 squadre più forti di noi. Bellomo? Stava per andare via”

    Reggina, Aglietti: “Inutile guardare la classifica, 7-8 squadre più forti di noi. Bellomo? Stava per andare via”

    “Nel primo tempo abbiamo sofferto l’intensità del Perugia, nel secondo tempo abbiamo gestito molto bene la partita a parte gli ultimi sei-sette minuti. Una prova importante in un campo difficile, contro una squadra che era in salute. Era difficilissimo affrontare il Perugia in questo momento”.

    Con grande lucidità Alfredo Aglietti ha analizzato la vittoria dei suoi a Perugia. ”

    Nella ripresa – ha evidenziato –  è subentrata un po’ di stanchezza e abbiamo coperto un po’ il campo e Cortinovis in copertura ha fatto molto bene anche quando è stato spostato a sinistra. Quella di oggi è stata una prova importante di squadra. Abbiamo fatto bene, colpendo il Perugia nei momenti giusti. Avevo chiesto di essere cinici perché ci avrebbero concesso poco ed è stato così. Noi siamo stati bravi a trovare le occasioni, cosa che in altre occasioni non ci era riuscito”.

    Vietato avere vertigini per il secondo posto in classifica. “Inutile – ha spiegato il tecnico –  guardare la classifica dopo dieci minuti.  Fa piacere vincere le partite e farlo ti porta ad avere tanti punti in classifica. Il campionato di B è difficile. Noi siamo costruiti come gli altri, anzi ci sono sette-otto squadra più forte di noi. Ci sono squadre forti, occorre mantenere questo ritmo e servirà mantenere equilibrio nei periodi difficili.

    E su Bellomo dopo il gol e l’assist:”Quando sono arrivato era sul piede di partenza. Gli ho chiesto cosa voleva e se me l’avesse dato gli avrei dato una chance. Diciamo che in questo momento tutto quello che si sta ritagliando se lo merita. Sono felice per lui perché si è messo in discussione. Ha dimostrato di essere un ragazzo intelligente, il giocatore non si discute dato che ha raccolto meno di quanto avrebbe potuto in carriera”.

    Crisetig, ammonito, salterà la sfida con il Cittadella.  “Crisetig  – ha chiosato il tecnico – riposerà. Avevo giù pensato di tenerlo fuori contro il Cittadella perché ha sempre giocato”.