• Home / SEZIONI / trittico news Storie / Da Saline a Tarquinia uniti contro la Centrale a carbone

    Da Saline a Tarquinia uniti contro la Centrale a carbone

    ANCHE I CITTADINI DI TARQUINIA IN LOTTA CONTRO LO SPETTRO DI UNA CENTRALE
    saline3.jpgSaline, ma non solo. Quella delle Centrali a carbone, diventa problematica di livello nazionale…
    Comitato dei cittadini liberi Al Sindaco del Comune di TarquiniaOGGETTO: diffidaI sottoscritti cittadini in nome e per conto del “Comitato dei Cittadini Liberi” (….)Premesso che Il Comune di Tarquinia, fin da quando fu proposta la riconversione a carbone della centrale ENEL di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia


    ha più volte deliberato all’unanimità la contrarietà a tale progetto, individuando nel carbone il combustibile fossile più pericoloso per la salute e per l’ambiente; Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 60 del 29.11.2006, approvata all’unanimità, nella quale al punto 3 dell’allegato 1) recita:si impegnano il Sindaco e la Giunta  “Ad esprimere in maniera inequivoca la contrarietà alla politica bieca delle “compensazioni” per i danni provocati al territorio dall’uso del carbone.” Vista altresì la deliberazione del Consiglio Comunale n. 1 del 12.04.07,  che nell’allegato 1)“Mozione urgente a firma del consigliere Scalet, approvata all’unanimità,” recita “…chiediamo ai partiti e alle coalizioni elettorali di Tarquinia che esprimano, con dichiarazioni pubbliche il loro impegno ad inserire nei propri programmi elettorali un no inequivocabile alla logica delle “compensazioni”: vanno rifiutati senza tentennamenti i soldi di chi ha scelto il carbone , per dare una mano a chi vuole mettere sotto silenzio le popolazioni inquinate accattivandosele con contributi per acquistare ambulanze, allestire centri per disabili, costruire campi sportivi, ecc,. non vogliamo i finanziamenti che puzzano di carbone” e,  nell’allegato 3) contenente la mozione urgente a firma del consigliere Daga, anch’essa approvata all’unanimità recita:“impegna  il Sindaco e la Giunta a rifiutare ogni tipo di contribuzione diretta ed indiretta volta a catturare il consenso con una sorta di monetizzazione del rischio a cui è sottoposta la popolazione dell’intero comprensorio”; Considerato che le suddette deliberazioni sono tuttora vigenti e che ogni eventuale accordo sottoscritto in tale fattispecie costituirebbe libero arbitrio da parte del sottoscrittore in palese violazione di atti pubblici approvati dal Consiglio Comunale nel suo ruolo di  massima assise cittadina deputata a determinare gli indirizzi politico amministrativi dell’ente locale; Diffidano il Sindaco, o suo eventuale rappresentante, a sottoscrivere qualsiasi accordo e/o convenzione con la Regione Lazio, con ENEL S.p.a. e con qualsivoglia  altro soggetto istituzionale e/o privato, che preveda da parte del Comune di Tarquinia l’accettazione di contributi economici comunque motivati, diretti o indiretti, correlati all’accensione o all’esercizio dell’impianto della centrale termoelettrica di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia nella nuova conformazione a carbone; I firmatari della presente diffida  si riservano di proporre ricorso giurisdizionale nelle sedi competenti, qualora si addivenisse alla stipula di accordi e/o convenzioni in  violazione del dettato deliberativo dei sopracitati atti comunali.