• Home / RUBRICHE / Storie / Le persone e la politica, quando il filo si spezza

    Le persone e la politica, quando il filo si spezza

    calabriaUltimo in classifica a meno 11. Non è la Reggina che bontà sua ha annullato la penalizzazione sul campo. Ma la posizione che occupa il Governatore della Calabria Agazio Loiero all'interno della classifica legata all'indice di gradimento degli amministratori italiani, stilata da "il sole 24 ore".
    Rispetto a diciotto mesi fa la stima dei Calabresi nei confronti di Loiero sarebbe passata dal 59% nel giorno dell'elezione poco più del 48%.
    "Mi dispiace, ma la colpa è anche di una coalizione molto vasta. E di una Calabria che sembra un territorio irrecuperabile."

    Chiamato in causa Loiero ritiene di dover liquidare con poche parole quello che per molti è indice di un allarmante distacco della popolazione rispetto al palazzo, dal quale da un po' di tempo a questa parte vengono fuori scandali su scandali e la promessa brezza del rinnovamento somiglia tanto al puzzo rancido di una discarica stracolma.
    E se la frattura prima riguardava solo cittadini e palazzo,vuoi perché siamo vicini alla soglia limite di consiglieri indagati prima che intervenga lo scioglimento del consiglio, vuoi perché la sanità è la stessa di ieri e del giorno prima ancora, oggi si evidenzia all'interno della stessa macchina governativa.
    I Ds non parteciperanno più alle riunioni di Giunta e trasferiranno i motivi delle loro posizioni in Consiglio Regionale. In particolare la questione delle nomine non è andata giù perché -secondo la quercia – si poteva bandire un avviso pubblico piuttosto che procedere alle solite "chiamate" offrendo un segnale nuovo e diverso ad una popolazione che ormai di ambiguità politiche ne farebbe volentieri a meno.
    I giornali vendono perché la curiosità è tanta ed è superata dalla delusione che non è di sapere che c'è qualcuno che denuncia le magagne degli eletti, ma di non potersi dimenticare di vivere nella terra dove se sei amico degli amici ti dimentichi dello stipendio, ma se sei un povero Cristo qualunque vorresti che il mese finisse giorno 21. (Ant. Mont.)