• Home / RUBRICHE / Storie / Indagini Fortugno restano a DDA

    Indagini Fortugno restano a DDA

    pierograssoNonostante la pressante richiesta della vedova Fortugno, l'on. Laganà, che aveva chiesto con insistenza al Procuratore Nazionale Antimafia, Piero Grasso, che le indagini sull'omicidio del marito fossero avocate o quantomeno affiancate dal suo ufficio, la pratica resta esclusivamente sul tavolo della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria.

    Un lungo confronto – dai contenuti rigorosamente top secret- tra il Procuratore antimafia di Reggio, Catanese e Grasso ha determinato la conferma dello status quo.

    I magistrati della DNA, quindi, forniranno, su richiesta soltanto "consigli" ai colleghi che avessero voglia di chiederne