• Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / Reggio: c'è un'area nascosta…

    Reggio: c'è un'area nascosta…

    batteriafoto13.jpgNon tutti sanno che al di sopra delle gallerie tangenziali dello svincolo di Spirito Santo, ove ogni giorno scorrono con le loro auto migliaia e migliaia di nostri concittadini, è ancora presente ciò che rimane di una postazione contraerea relativa all’ultimo conflitto bellico mondiale, nota ai più come “La Batteria”. Una sorta di baby-fortino costituito da quattro postazioni semicircolari che si affacciano sullo stretto nelle direzioni nord-est e di altri ruderi che servirono, durante l’ultimo conflitto bellico, all’esercito tedesco per controbattere  l’avanzata alleata sia dal mare che dai cieli.

    Per moltissimi anni, a partire circa dagli anni ’60, l’area fu recintata a causa della presenza di un’alta antenna di proprietà della RAI divenendo quindi luogo inaccessibile ai non addetti.

    Da qualche anno però l’antenna è stata rimossa e ciò che rimane è solo una imponente recinzione metallica e dei ruderi militari, un’area di vaste proporzioni che versa completamente nell’abbandono più totale. Un’area dalla quale si può godere un panorama mozzafiato, paragonabile a quello che si ammira dai fortini di pentimele.

    Sarebbe bello che chi di competenza potesse dare un’occhio di riguardo a quest’area della nostra città per dare il giusto risalto che si merita, dandone la piena fruizione alla cittadinanza apportando le giuste modifiche ed  a recuperare i ruderi presenti.
    Giuseppe Costarella