• Home / RUBRICHE / Lettere a Strill / "Umilianti spiccioli alle famiglie in difficoltà"

    "Umilianti spiccioli alle famiglie in difficoltà"

    “È questa la risposta del governo italiano alla crisi planetaria? È questa la risposta alle difficoltà di milioni di cittadini che ormai, secondo i dati di Confesercenti, al 15 del mese non sanno più come fare ad andare avanti”? Se lo chiede il Presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino, dopo la presentazione della social card da parte del Ministro Tremonti. “Il Ministro stringe i cordoni della borsa e offre questi umilianti spiccioli alle famiglie in difficoltà, che magari hanno perso anche l’unico reddito del capofamiglia, licenziato perché precario o in “esubero”. Il Presidente del Consiglio, intanto, continua a incoraggiare gli italiani, sostenendo inverosimilmente che bisogna avere fiducia nel futuro, essere ottimisti e tutto si aggiusterà. Saremo ancora, non si sa come, il 7° Paese tra quelli più industrializzati, e conquisteremo il primato del pressappochismo e del dilettantismo. Ma possiamo sempre consolarci – conclude il Presidente MDC – perché fra pochi mesi diventeremo il Paese più avanzato nella tv, con il digitale terrestre. E forse ci verrà offerto un abbonamento gratuito a Mediaset Premium…”

    Cosa si compra con 40 euro? 2 Kg di pasta+1/2 Kg di manzo + 1 bottiglia di vino + 3 Kg di pane + 10 l di benzina o bolletta mensile telefono + 2 riviste settimanali o 4-5 quotidiani – (Fonte: MDC).

    La Social Card è un tessera magnetica non personalizzata simile in tutto e per tutto ai Bancomat e saranno circa 1,2 milioni i beneficiari.  “Il contributo annuo sarà di 480 euro e sarà destinata ai cittadini residenti che hanno più di 65 anni e un reddito ISEE inferiore ai 6000 euro – spiega Giuseppe Tedesco, Presidente della sede provinciale del Movimento Difesa del Cittadino – la card sarà ricaricata ogni due mesi e potrà essere utilizzata nei circuiti telematici come quello dei supermercati”. A beneficiare della Social Card anche le famiglie in cui sia presente un bambino di età inferiore ai tre anni, senza considerare nel calcolo del limite di reddito la prima casa. Viene escluso dal beneficio chi ha altre abitazioni di proprietà, più di un autoveicolo o un patrimonio mobiliare superiore a 15 mila euro. “Per ottenere la social card i cittadini dovranno certificare la situazione di disagio mediante il modello ISEE e dovranno compilare il modulo di richiesta predisposto dall’INPS.  Chi ha diritto alla carta riceverà in questi giorni una lettera con tutte le spiegazioni del caso mentre dal 1 al 31 dicembre le domande potranno essere presentate presso gli sportelli di Poste Italiane. Successivamente, una volta verificato il possesso dei requisiti, verrà accreditato l’importo di tre mesi: ottobre, novembre e dicembre 2008. Le altre ricariche saranno di 80 euro a bimestre”.

    Presso la sede dell’associazione, i cittadini interessati, e tutti gli aventi titolo, possono ritirare il modulo per la richiesta, avere maggiori informazioni e un aiuto per la compilazione dello stesso. La sede provinciale del Movimento Difesa del Cittadino, aperta il lunedì e il giovedì dalle 17,00 alle 19,00, si trova in Via Cardinale Portanova, 119 Reggio Calabria – 096522478.