• Home / PUBLIREDAZIONALE / Publiredazionale / Il 28 aprile a Cittanova in scena “A spasso con Daisy”

    Il 28 aprile a Cittanova in scena “A spasso con Daisy”

    Giovedì 28 aprile il Teatro Gentile ospiterà MILENA VUKOTIC, SALVATORE MARINO E MAXIMILIAN NISI,
    con la deliziosa commedia “A spasso con Daisy”, per il nuovo appuntamento con la XVIII Stagione Teatrale di Cittanova, organizzata dall’Associazione Kalomena, con il patrocinio della locale Amministrazione comunale, della Presidenza del Consiglio regionale della Calabria, della Città Metropolitana ed il sostegno della BCC di Cittanova.
    I biglietti saranno in vendita presso il Teatro Gentile il mercoledì e il sabato dalle ore 16.00 alle 19.00 oppure telefonando al 3477191399 / 3206184249.
    INFO: kalomena@libero.it
    A spasso con Daisy, lasciato il grande schermo e approdato a teatro, ovvero la sua veste originale, è uno spettacolo adattato da Mario Scaletta ed elegantemente interpretato da Milena Vukotic nel ruolo di Miss Daisy Werthan e
    Salvatore Marino nei panni del suo autista di colore Hoke; con loro Maximilian Nisi è il figlio non più giovane e non troppo degenere di lei, Boolie.
    Diretta da Guglielmo Ferro, l’opera teatrale fa virare i suoi toni agrodolci a favore della dolcezza, e porta in scena, più che i temi del razzismo, dello sfruttamento e della lotta per l’uguaglianza dei diritti sociali, quelli dell’amicizia e della solidarietà tra esseri umani in condizione di fragilità. A spasso con Daisy è ora un delizioso spettacolo teatrale. La bravissima Milena Vucotic dà vita all’anziana Daisy in una storia delicata e divertente capace di raccontare con umorismo un tema complesso come quello del razzismo nell’America del dopoguerra. Scritta da Alfred Uhry, ha vinto il Premio Pulitzer per la Drammaturgia nel 1988. L’anno successivo l’adattamento cinematografico
    con Morgan Freeman e Jessica Tandy si è poi aggiudicato quattro Oscar e molti altri premi.
    Daisy, anziana maestra in pensione, è una ricca signora ebrea che vuole apparire povera; una donna dal piglio forte: ironica, diretta, scontrosa, capricciosa, avara. E’ vitale e indipendente nonostante l’età ed è assolutamente maldisposta verso la decisione presa dal figlio Boolie (nel tentativo di arginare la rischiosa smania d’indipendenza della madre) di assumerle un autista. Daisy non vuole in casa qualcuno che tocchi le sue cose, che la privi del gusto di guidare, che la faccia vedere in giro accompagnata da uno chauffeur come fosse una donna ricca. Per fortuna Hoke, l’autista di colore affezionato e analfabeta, è paziente e capace di sopportare tutte le stranezze della vecchia signora e di rimanere dignitosamente in disparte. Poi, giorno dopo giorno, la diffidenza iniziale lascia il posto a un rapporto fatto di battibecchi e battute pungenti che cela in realtà un affetto profondo.
    In fondo “A spasso con Daisy” non è che questo: la storia di un’amicizia profonda nata nonostante i pregiudizi e le classi sociali. Emozionarsi non è stato mai cosi divertente. L’Associazione Kalomena si atterrà alle misure disposte dalle autorità nazionali in ordine alle misure anti Covid, consentendo l’ingresso esclusivamente agli spettatori in possesso del Super Green Pass e con l’obbligo di indossare la mascherina FFP2.