• Home / PUBLIREDAZIONALE / Publiredazionale / Horcynus Festival Reggio Calabria, Glorius Vocal 4et in concerto. La musica nomade dell’ensamble siciliano al femminile pervaderà la terrazza del Castello Aragonese, domenica 6 settembre

    Horcynus Festival Reggio Calabria, Glorius Vocal 4et in concerto. La musica nomade dell’ensamble siciliano al femminile pervaderà la terrazza del Castello Aragonese, domenica 6 settembre

     La sapiente contaminazione tra generi, sonorità e lingue e una intesa profonda su e giù dal palco. Tutto questo e molto altro legano quattro poliedriche cantanti siciliane, innamorate della musica e della loro terra. Amiche che cantano insieme da 20 anni, dal 2012 componenti del Glorius Vocal 4et, Agnese Carrubba (voce/pianoforte/percussioni),  Federica D’Andrea (voce),  Cecilia Foti (voce), Mariachiara Millimaggi (voce/pianoforte/percussioni) saranno in concerto, domenica 6 settembre alle ore 21, a Reggio Calabria nell’ambito dell’Horcynus Festival, nella suggestiva cornice della terrazza del Castello Aragonese. L’evento è anche inserito nel cartellone dell’Estate Reggina.

     

    Ricco lo scrigno dal quale attingeranno per la loro performance. Unitamente al loro album di cover “Play”, il concerto ruoterà attorno alla recente esperienza condotta durante il lockdown che loro hanno trasformato in un tour mondiale sul web. Attraverso dei mini social show realizzati a distanza, da casa hanno viaggiato – e fatto viaggiare il pubblico – dall’Italia fino in Messico, Russia, Grecia, Giappone, Francia, con omaggi a canzoni rappresentative dei vari paesi del Mondo e la collaborazione prestigiosa di Paolo Belli, Massimo Moriconi (bassista di Mina), Tony Canto, Faisal Taher e altri artisti di calibro internazionale.

     

    Le quattro voci a cappella, con innesti di istruvocal, o accompagnate da pianoforte e percussioni, spazieranno dal Pop, agli Standard Jazz, agli Evergreen e sapranno sorprendere il pubblico con il loro stile unico, proponendo un originale mosaico di sonorità, frutto della combinazione dei loro peculiari timbri e del canto in sette lingue, tra le quali anche il dialetto siciliano.

     

    Nel pieno rispetto delle norme antiCovid che garantiscono sicurezza al pubblico, Horcynus Festival Reggio Calabria continua a proporre un inedito e originale sguardo sul mondo, grazie all’impegno della Fondazione Horcynus Orca e della direzione artistica di Franco Jannuzzi per il Cinema, Massimo Barilla per il Teatro, Giacomo Farina e Luigi Polimeni per la Musica, al cofinanziamento della Regione Calabria e al patrocinio del Comune di Reggio Calabria.

     

    Il Glorius Vocal hanno rappresentato l’Italia al The 19th OSAKA International Music Competition 2018; nello stesso anno hanno vinto il Primo Premio al Trofeo W.I. “Alfredo Spataro” di  Cosenza.                                                                                                                                                                                    Nel 2017 hanno conquistato il Primo Premio e Premio d’Onore al Concours International Léopold Bellan a Parigi. Nel 2016 il quartetto è stato finalista al Festival internazionale Solevoci di Varese, si è classificato ai quarti di finale (su 1800 partecipanti) al TIM Torneo Internazionale di Musica a Torino e, nel 2014, si è classificato secondo al Lucca  Jazz Donna.

     

    Ospiti in manifestazioni e teatri italiani ed esteri, tra gli altri: al Cap Ferret Music Festival (Francia); al Congresso Internazionale della voce e della musica con i M° Peppe Vessicchio e Luca Pitteri in Puglia; al Glorius4 MAGIE, gremitissimo concerto all’Auditorium RAI di Palermo e, la scorsa estate, al concerto a Zafferana Etnea per il prestigioso cartellone di Catania Jazz.

     

    Coriste nel singolo “Arca di Noè” di Alessandro Mannarino, sono state anche supporters di Paolo Belli & Big Band e di Bridgette Campbell. Coriste di Enrico Montesano in “Omaggio a Trovaioli” e di Antonella Ruggiero in occasione del tributo a Domenico Modugno al teatro Vittorio Emanuele di Messina.

    Qualche anno fa è stato pubblicato il loro album “Play”, con la produzione artistica di Tony Canto, il featuring di Ernesttíco alle percussioni e di Esteban Alvarez, pianista costaricense.