• Home / In evidenza / Calabria: arriva bonus giovani, la mappa incentivi in vigore
    Disoccupazione giovanile: Calabria tra peggiori in Europa

    Calabria: arriva bonus giovani, la mappa incentivi in vigore

    Bonus giovani, la mappa incentivi in vigore. Tra tutti anche Bonus Sud. L’agevolazione anche in Calabria e consiste nell’esonero totale dai contributi Inps

    La nuova decontribuzione sulle assunzioni dei giovani che il governo si appresta ad inserire nella manovra 2018 con uno stretto legame all’apprendistato, affiancherà, o in alcuni casi sostituirà, incentivi già esistenti, prossimi alla scadenza o in via di rinnovo. E’ il caso del Bonus Sud che in 8 Regioni già prevede lo sgravio totale dei contributi previdenziali e che dovrebbe essere rinnovato anche anche dopo il 31 dicembre. Ecco una mappa degli incentivi al lavoro oggi in vigore.

    GARANZIA GIOVANI – Il bonus scade il 31 dicembre, ma già ci sono i fondi per prorogarlo dopo i 200 milioni di quest’anno. Riguarda le assunzioni a tempo indeterminato o in apprendistato professionalizzante degli under 29 che non studiano né lavorano (i cosiddetti Neet) e sono registrati al Programma Garanzia Giovani. L’incentivo è pari al 100% dei contributi previdenziali nel limite massimo di 8.060 euro. Il bonus vale anche per i contratti a tempo determinato di almeno 6 mesi. In questo caso però l’esonero è pari al 50%, con il tetto di 4.030 euro l’anno.

    BONUS SUD – L’agevolazione vale fino al 31 dicembre 2017 in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna. Consiste nell’esonero totale dai contributi Inps per massimo 8.060 euro per tutte le assunzioni stabili di giovani disoccupati tra i 16 e i 24 anni e di lavoratori con anche più di 25 anni disoccupati da almeno sei mesi. Il finanziamento della misura ammonta a 530 milioni a carico del Pon per le politiche attive dell’ occupazione.

    SCUOLA-LAVORO – L’agevolazione è valida in questo caso fino a dicembre 2018. Prevede l’esonero dai contributi Inps per tre anni con un limite massimo di 3.250 euro l’anno. I destinatari sono studenti assunti (anche in apprendistato) entro 6 mesi dal titolo di studio, se hanno svolto un periodo di formazione o tirocinio, o dalla fine di un periodo di apprendistato.

    APPRENDISTATO – Fino al 31 dicembre 2017, l’aliquota contributiva è pari al 5% per i datori di lavoro che assumono in apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore i giovani di 15-25 anni. Non si applicano il cosiddetto “ticket di licenziamento”, il contributo dell’1,31% per il finanziamento della Naspi e quello dello 0,30% ai fondi interprofessionali per la formazione.

    BONUS DONNE E OVER 50 – L’agevolazione, in scadenza, consiste nell’esonero del 50% dei contributi Inps e Inail e riguarda donne disoccupate da almeno 6 mesi, residenti in regioni svantaggiate o occupate in settori lavorativi con forte disparità di genere; donne disoccupate da almeno 24 mesi; lavoratori che abbiano compiuto almeno 50 anni, disoccupati da almeno 12 mesi. La durata arriva a 12 mesi in caso di assunzione stabile e a 18 mesi in caso di assunzione a tempo indeterminato.

    CIGS E NASPI – A chi assume stabilmente un lavoratore in Cigs da almeno 3 mesi è data la possibilità di versare, per 12 mesi, i contributi ridotti previsti per gli apprendisti. L’incentivo all’assunzione di percettori di disoccupazione Naspi è invece riservato a chi assume un lavoratore mentre ancora percepisce l’indennità e dà diritto al riconoscimento al datore di lavoro di un bonus pari al 20% della Naspi ancora spettante al neoassunto. Sono entrambi in scadenza a fine anno.

    GIOVANI GENITORI – Il bonus per le assunzioni di genitori di figli minori sotto i 35 anni ammonta a 5 mila euro a lavoratore.