• Home / INCHIESTE / Le navi dei veleni / Nave dei veleni: inchiesta passa a Catanzaro

    Nave dei veleni: inchiesta passa a Catanzaro

    jolly2

    “Non mi sento defraudato nè la cosa mi crea particolari problemi, anzi sono stato io, d’iniziativa a trasmettere le carte alla Procura distrettuale antimafia di Catanzaro, competente per materia

    essendo conclamata, sul piano investigativo, un’ipotesi di reato collegata all’attività della criminalità organizzata”.

    Bruno Giordano, ai microfoni di www.strill.it, è sereno e determinato, come sempre.

    La sua inchiesta relativa all’affondamento della Cunsky al largo di Cetraro, dopo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia ed il ritrovamento del natante passa, dunque,a  Catanzaro, mentre resta ancora sul tavolo del Procuratore di Paola, per il momento, l’inchiesta “terrestre”, riferita all’ipotesi di interramento di rifiuti tossici nel letto del torrente Oliva.

    “Io” – continua Giordano riferendosi all’indagine “marina” – “ho fatto tutto ciò che era nelle umane possibilità, visto che, tra l’altro, in Procura sono praticamente solo. Al di là della competenza fissata dal codice di procedura penale” – conclude Giordano – “la disponibilità di uomini e mezzi della DDA di Catanzaro non potrà che giovare all’indagine”