• Pizzo, progetto ricerca su scheletro Gioacchino Murat

    Parte il progetto per ”la ricerca delle ossa di Gioacchino Murat”. Ed in questa direzione il sindaco di Pizzo, Fernando Nicotra, allo scopo di avviare tutte le procedure necessarie per dare inizio alla fase operativa del programma, ritiene opportuno effettuare un sopralluogo conoscitivo necessario per l’organizzazione logistica ed operativa dell’intervento. Da qui l’invito al ministero per i Beni culturali e le attivita’ culturali Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, al ministero per i Beni culturali e le attivita’ culturali Soprintendenza per i Beni Monumentali e Paesaggisti della Calabria, alla Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggisti della Calabria Parco Archeologico di Scolacium, al Vescovo di Mileto, al Comando Regione Carabinieri Calabria, al Comando Provinciale dei Carabinieri di Vibo Valentia e della Compagnia, al Parroco di San Giorgio di Pizzo e all’Associazione Culturale ”Gioacchino Murat” di Pizzo, a partecipare ad un incontro per il prossimo 15 gennaio, alle ore 10.30, nella Chiesa di San Giorgio, allo scopo di effettuare una ricognizione dei luoghi ed acquisire le indicazioni ed i pareri di competenza.Il progetto si propone di individuare i resti mortali di Giacchino Murat, che, dopo la fucilazione, fu sepolto nella Chiesa di San Giorgio al fine di effettuare una analisi comparativa del Dna dei resti con quello degli attuali discendenti diretti del Re, i quali piu’ volte hanno dichiarato la loro disponibilita’ a sottoporsi a tale esame.
    Il progetto e’ interamente finanziato dal comune di Pizzo, che ha accolto un progetto presentato dall’associazione ”Gioacchino Murat” di Pizzo. La comparazione del Dna sara’ affidata i carabinieri del Ris di Messina.(ASCA)

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.