• Home / CITTA / Vibo Valentia / Vibo: Campagna di sensibilizzazione contro violenza domestica

    Vibo: Campagna di sensibilizzazione contro violenza domestica

    Parte ad agosto nella provincia di Vibo Valentia la Campagna di sensibilizzazione contro la violenza domestica “La violenza in vacanza non ci va……”.

    Verranno coinvolti alcuni dei comuni con maggiore affluenza turistica come Tropea e Ricadi, all’interno dei quali verrà diffuso il manifesto che si allega.

    La Campagna si propone di puntare i riflettori sul fenomeno della violenza domestica, informando sull’esistenza dei Centri Antiviolenza, con particolare riguardo al Centro Roberta Lanzino di Cosenza, unica realtà calabrese, in gemellaggio con Differenza Donna Ong, associazione che gestisce i Centri Antiviolenza di Roma.

    Parte integrante della Campagna  sarà l’esposizione della mostra dedicata all’attività dei Centri Antiviolenza italiani e la presentazione ufficiale dell’attività che questi svolgono in favore di donne vittime di violenza da 20 anni, ad opera dell’Avv. Luigia Barone, Responsabile del Centro Antiviolenza del Comune di Roma, nell’ambito dei seguenti appuntamenti:

    1) 20/08 rassegna cinematografica “Teli tra i celi” organizzata dall’associazione Plurale femminile

    2)  21 /08 concerto organizzato da Tropea Musica

    3) Tropea Film Festival in corso dal 23 al 30 agosto

     

    La mostra a settembre  si sposterà a Roma dove verrà ospitata       all’interno del Festival Bella Ciao, promosso dal Municipio X – Il balsamo della memoria – diretto da Ascanio Celestini, che si terrà alle Officine Marconi dall’11 al 14 settembre p.v.

    La mostra si propone di assumere un carattere itinerante, raggiungendo ogni mese un quartiere diverso.

     

    Per informazioni contattare Responsabile del Centro Antiviolenza del Comune di Roma ai seguenti recapiti: 328/0343085 – 349/2930146 dalle ore 11 alle ore 13 e dalle ore 18 alle ore 20; luigia.barone@gmail.com

     

    Avv. Luigia Barone

    Responsabile del Centro Antiviolenza del Comune di Roma