• Reggio Calabria – Manifestazione ‘Reggio è morta’, Fondazione Mediterraena: “Era molti di più di 74”

    Di seguito la nota diffusa da Fondazione Mediterrnea:

    Premessa. Non si è partecipato alla manifestazione di piazza del 4 dicembre non perché non se ne condividesse lo spirito ma per un motivo che, apparentemente banale, per una persona di cultura non lo è. Si è sempre tentato di dare un peso alle parole e rispettarle per quello che sono o meglio che dovrebbero essere: dei segni, simboli di un’idea o di un progetto o di un modo di pensare.

    Lo slogan “Reggio è morta” è senza significato: se vi è un qualcosa di definitivo e non modificabile è la morte, quindi, se Reggio è morta non ha senso lottare per un qualcosa che non c’è più. Questa proposizione sarà pure un’ovvietà che non tiene conto della presa sul pubblico di uno slogan forte, ma qualcosa di forte dev’essere per forza illogico? Si sarebbe potuto dire che Reggio è moribonda, quindi dare una speranza di rinascita una volta che la città sia uscita dal tunnel del degrado.

    Comunque sia, la manifestazione è riuscita e non se ne può che essere sinceramente contenti. Ne escono mortificati i nostri amministratori, sia di maggioranza che di opposizione, e soprattutto i loro epigoni, in specie quelli su facebook: uno dei quali ha dedicato molta passione alla titanica impesa di contare i partecipanti uno per uno fino ad arrivare al numero di 74. Non so come li abbia contati perché già a un’occhiata superficiale delle foto sembravano molti di più e, alla fine, il loro numero era sul mezzo migliaio: ottimo risultato per gli organizzatori, tenendo conto del tempo instabile e del demotivante rinvio. Ma non è questo il punto. Il fatto significante è che la manifestazione ci sia stata e sia stata partecipata. Un forte segnale.

    Nota conclusiva. In occasione del conferimento del Premio Russell al direttore della Gazzetta Alessandro Notarstefano, la discussione è caduta anche sulle parole e sul loro uso, prospettando due tipi di utilizzo: quello giornalistico, in cui la parola dev’essere descrittiva ovvero chiara e inequivoca; quello letterario, in cui la stessa parola può anche assumere significati diversi a seconda del contesto narrativo e della storia personale del lettore. Senza scendere nei dettagli, vi è anche la parola della politica, che a volte non significa nulla e che viene spesso usata solo come slogan o bon mot (“Reggio è morta” docet).