• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – Al via la X edizione del “Play Music festival”

    Reggio Calabria – Al via la X edizione del “Play Music festival”

    Ri-suona la Musica Al via la X edizione del “Play Music festival”, un mese di musica per respirare libertà e
    divertimento. Cinque appuntamenti per una edizione speciale della Kermesse organizzata dall’associazione Soledad
    con una serie di partner Istituzionali e privati che credono che la rinascita della città di Reggio possa passare dalla
    cultura:: la Fondazione Giuseppe Marino, il Peperoncino Jazz Festival, il Touring Club e Comes (Consorzio
    mediterraneo per lo sviluppo). Ed inoltre la partnership con la Conferenza per il coordinamento delle politiche
    dell’Area dello Stretto e con “La Musica che gira intorno” rassegna dell’Università Mediterranea, promossa dal
    professore Colistra Daniele.
    Come illustra Alessio Laganà, direttore artistico: «per la Decima edizione abbiamo immaginato un cartellone che
    guarda alla contemporaneità senza tralasciare proposte mainstream. La nostra è una visione della musica come
    fenomeno vivo e in costante rinnovamento, dove tutti i generi – jazz hip hop blues elettronica – interagiscono per
    creare nuovi stili. Una edizione pertanto che strizza l’occhio alla nuove generazioni, ai linguaggi musicali di oggi”
    Peculiarità del festival è come sempre «coniugare delle proposte internazionali con giovani talenti del Sud e farli
    dialogare. Questa è sempre stata una priorità nella nostra idea di festival, mettere in risalto i giovani del Sud più
    innovatori e originali. Una forza e una risorsa da coinvolgere e promuovere».
    Il Festival è il culmine di una progettazione di attività artistiche – eventi, masterclass, progetti – proposte
    dall’Associazione Soledad durante tutto l’arco dell’anno e che ha come scopo la sensibilizzazione verso il mondo
    dell’arte a tutto tondo.
    Tutto ciò grazie all’entusiasmo e alla creatività delle persone che dedicano il proprio impegno all’attività
    dell’Associazione e soprattutto alle proficue partnership siglate con altre realtà del territorio, con le quali si
    realizzano eventi non solo musicali, ma di arti figurative, Teatro ed arti visive.
    Entriamo nel vivo del programma:
    Si parte il 4 luglio al Medinblu con la voce calda e sensuale di Shanna Waterstown che presenta un mix di
    Rythm’n’blues, funk, soul. Nata nel profondo sud, in Florida, ha avuto il privilegio di aprire grandi icone musicali,
    tra cui James Brown, Buddy Guy, Maceo Parker, Louisiana Red. Riconosciuta come una vera “Blueswoman è
    la guest star internazionale che aprirà la decima edizione del Play music con una band di musicisti di consolidata
    esperienza.
    Mercoledì 14 luglio, sempre al Medinblu, Chico Pinheiro trio. Considerato uno dei più espressivi artisti della
    musica brasiliana contemporanea il chitarrista e compositore Chico Pinheiro è leader nella nuova generazione di
    musicisti brasiliani; ha collaborato con Dianne Reeves, Bob Mintzer, Brad Mehldau ed Esperanza Spalding. Il suo
    album più recente “City of Dreams” (2020), il settimo della sua carriera, è stato candidato ai GRAMMY
    AWARDS 2021 nella categoria “Best Latin Jazz Album. Alla batteria ci sarà Joe Santoro, giovane talento
    siciliano e Alfredo Paixao bassista carioca, una vita passata a suonare in giro per il mondo, conosciuto in Italia per
    la sua collaborazione con Pino Daniele.
    Sabato 24 luglio al Parco Ecolandia tocca a Jesse Davis, classe 1965, uno dei musicisti più apprezzati di New
    Orleans. Il concerto è realizzato in collaborazione con la Rassegna “La musica che gira intorno” dell’Universita
    Mediterranea di Reggio Calabria. Jasse Davis si forma al New Orleans Center for Creative Arts con Ellis Marsalis,
    rivelando fin dal principio spiccate doti musicali. Premiato come miglior musicista jazz nel 1989 durante il
    Downbeat Music Fest ha collaborato con artisti del calibro di Chico Hamilton, Roy Hargrove, Wynton Marsalis.
    Sarà accompagnato dagli Hammond Groovers (tre talenti della scena jazzistica italiana attuale: il chitarrista Daniele
    Cordisco, dall’organista Antonio Caps e dal batterista Elio Coppola).
    Al Medinblu, Sabato 31 luglio toccherà all’ensemble di Paul Wertico & Gianmarco Scaglia Quartet.
    Il nome di Paul Wertico rimane indissolubilmente legato a quello del Pat Metheny Group, nel cui organico è entrato
    nel lontano 1983 (vincendo 7 Grammy Award), permanendovi per ben 18 anni. In questo tour Wertico insieme a
    Gianmarco Scaglia presentano il disco “Dynamics in Meditation”, pubblicato da Challenge Records, una
    produzione Italia/Usa che da molto prestigio ai nostri musicisti, sempre più affrancati nella scena jazz
    internazionale
    Ma il climax del festival sarà la serata finale il 4 agosto che si prospetta come una grande festa, che consacra sullo
    stage del Parco Ecolandia tanti giovani talenti del Sud Italia: iniziamo con Davide Shorty. «un progetto – spiega
    Laganà – che incarna il linguaggio del momento: soul, hip hop, rap; la voce soul di Shorty è supportata da una band
    con uno stile jazzy groove. È una scommessa per quanto mi riguarda: Davide è una delle punte di diamante in Italia
    di questo nuovo linguaggio musicale; ha vissuto a fondo la cultura Hip hop nei sobborghi di Londra. Poi è tornato
    nel nostro Paese e ha iniziato a scrivere le rime in italiano». Da quel momento arriva l’ascesa: si posiziona 3° alla
    nona edizione di X-Factor. Nel 2021 si aggiudica il secondo posto tra le nuove proposte di Sanremo con il brano
    “Regina” grazie a cui riceve anche i premi Dalla, Jannacci e Lunezia.
    Davide Shorty, palermitano doc, è accompagnato da una band tutta “Made in sud”, Emanuele Triglia, bassista di
    Reggio Calabria che torna da professionista nella sua città; alle tastiere Claudio Guarcello anch’egli di Palermo e
    alla batteria Davide Savarese napoletano verace.
    Aprirà la serata la band dell’artista Soul romano RBSN aka Alessandro Rebesani, altro talento italiano, con il quale
    alla batteria si esibirà un altro giovane reggino che ha studiato alla Berklee di Boston e ritorna su un palco cittadino
    dopo tanto tempo: Federico Romeo.
    Quella del 4 agosto al Parco Ecolandia sarà pertanto una grande serata che omaggia i talenti del Sud Italia, che
    come in altri settori, anche nella musica stanno portando lustro alla nostra terra, ottenendo lusinghieri
    apprezzamenti dalla stampa e dal pubblico.
    Quale modo migliore per concludere la Decima edizione del Play Music Festival!
    “Un decimo anno che chiude un cerchio e che consacra il mio modo di intendere il festival – conclude Alessio
    Laganà – una continua ricerca che affianca alla scelta di artisti famosi, la proposta di giovani emergenti, di artisti
    del sottobosco underground, e la voglia di scommettere su di loro. Ciò che si vuole proporre è un festival che sia al
    passo coi tempi, e che sia in linea con le tendenze internazionali.