• Home / Primo piano / Falcomatà su bavaglio al Gom: “I Reggini non sono pupazzi nelle mani di nessuno”

    Falcomatà su bavaglio al Gom: “I Reggini non sono pupazzi nelle mani di nessuno”

    “Non si può trattare una comunità ed un intero popolo come pupazzi, non possiamo essere trattati come dei playmobil, non possiamo essere trattati come persone alle quali vengono comunicate delle cose senza sapere il perchè, un popolo, una cittadinanza che sta facendo sacrifici enormi che di punto in bianco si sente spiazzata dalla decisione della Regione Calabria di impedire, anzi vietare al Grande Ospedale Metropolitano di comunicare il bollettino giornaliero rispetto al numero dei contagi. “E’ quanto dichiara in una diretta facebook il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà.

    “Si è reciso un cordone di rapporto di fiducia fra le Istituzioni e i cittadini che hanno diritto a informarsi. La nota della Regione Calabria di ieri è priva di ogni senso. Cosa significa che l’Ospedale Metropolitano non può più comunicare i dati perchè bisogna garantire un flusso univoco di informazioni. Il flusso univoco di informazione tu lo garantisci tagliando l’informazione puntuale che fino ad oggi è stata data facendo il contrario di quello che noi avevamo chiesto fosse fatto, ovvero una informazione scandita comune per comune.

    Anzichè migliorare, integrare l’informazione si è deciso di chiudere l’informazione. Avevamo chiesto dove sono finiti questi 15 nuovi contagiati che rispetto al comunicato della Protezione Civile di domenica erano 15 contagiati in più nella città di Reggio Calabria ed invece al comunicato del Gom non esistevamo. Che fine hanno fatto? Si sono dispersi? dove sono? Non si può trattare un popolo togliendo l’informazione anzichè fornendo chiarimenti. Chiedete scusa. Abbiate l’umiltà di chiedere scusa e dire che avete sbagliato. Nessuno è infallibile, si sbaglia e si chiede scusa.

    Non ve lo chiede il sindaco, ve lo chiede una intera comunità, e le istituzioni nei confronti di un popolo devono essere credibili. Io scrivo alla Regione e, ovviamente, non risponde mai nessuno. Quello che una intera cittadinanza sta chiedendo è capire il perchè di questa decisione regionale. Tornate sui vostri passi, abbiate l’umiltà di chiedere scusa, di dire abbiamo sbagliato, di dire è stta una decisione avventata senza tenere conto di quelle che potevano essere le ricadute sociali su una comunità e tornate indietro.

    Dovete dare una informazione più approfondita. Va fatto ora, perchè il popolo reggino non sarà mai un playmobil, non sarà mai un pupazzo nelle mani di nessuno”

    Buongiorno, la decisione della regione di vietare al GOM di comunicare i dati è incomprensibile. Ne parliamo adesso in diretta, servono risposte chiare e immediate.

    Pubblicato da Giuseppe Falcomatà su Mercoledì 8 aprile 2020