• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria: De Blasio lascia carica di presidente conservatorio Cilea

    Reggio Calabria: De Blasio lascia carica di presidente conservatorio Cilea

    Daniela De Blasio lascia carica di presidente conservatorio Cilea. “Dopo tre anni di intenso lavoro, peraltro con un percorso sempre partecipato e ricco di soddisfazioni nonché totalmente ‘a titolo gratuito’, ho operato la scelta, dopo le dovute valutazioni, di dimettermi da Presidente del Conservatorio Francesco Cilea di Reggio Calabria”. E’ quanto scrive sul suo profilo Facebook Daniela De Blasio, affidando al social network i motivi della sua scelta: “Oltre a contestare, come già formalmente dichiarato, l’assenza di criteri nella scelta della terna da sottoporre al Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca da parte del Consiglio Accademico, dalla quale sono stata esclusa senza motivazione, ritengo che la mancata conferma di fiducia espressa nei fatti dallo stesso Consiglio nei miei confronti abbia fatto venir meno la condizione essenziale e indefettibile per il prosieguo del mio mandato da sempre ispiratosi a principi di lealtà, trasparenza e correttezza”.
    “In questi anni – rimarca De Blasio – ho speso ogni energia e risorsa per portare sempre più in alto il nome del Conservatorio, dando spazio a sinergie istituzionali che, di fatto, hanno determinato indiscutibilmente lustro valorizzando la già nota professionalità di allievi e docenti. Particolare attenzione è stata prestata ai più bisognosi attraverso l’istituzione di borse di studio che, per la prima volta nella storia del nostro Conservatorio, hanno consentito a nuovi talenti, benché in difficoltà economiche, di potersi serenamente formare nel rispetto reale dei nostri stessi princìpi costituzionali”.
    Daniela De Blasio prosegue il suo post raccontando quanto negli anni è stato fatto al conservatorio con lei alla presidenza: “Sempre per i più giovani è stato istituito il coro delle voci bianche al fine creare un vivaio in cui coltivare la propria passione nella speranza di “innestare” nei ragazzi la passione per la musica.
    Come dimenticare il “protocollo d’intesa” con il Conservatorio Corelli di Messina con l’intento di moltiplicare l’offerta formativa degli allievi dello Stretto? In un’ottica di promozione della cultura musicale, per non farla rimanere appannaggio di pochi e renderla fruibile a tutti, l’offerta e la programmazione si sono spostate dal Conservatorio alle piazze e, per la prima volta, finanche nei siti archeologici della città; operazione di oggettivo riscontro sociale con migliaia di persone raggiunte.
    Ho assolto al mio incarico con totale trasparenza e dedizione, pertanto ritengo, per un atto di coerenza personale e nel rispetto della “cosa pubblica” (quale bene di tutti), di dover rassegnare e di fatto rassegno a mezzo del presente atto, le mie dimissioni da Presidente del Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria.
    Voglio ringraziare anzitutto il personale amministrativo egregiamente diretto dalla Dott.ssa Plutino che non ha mai fatto mancare, nell’affiancarmi, il suo sostegno con quel confronto continuo e quella competenza che ci hanno permesso di superare ogni difficoltà ed imprevisto”.
    E infine i ringraziamenti: “Ringrazio i Coadiutori scolastici per la loro disponibilità dimostrata nel raggiungimento degli obiettivi comuni del Conservatorio; i componenti del cda, l’Avv. Sergio Florio e la Prof.ssa Avv. Vittoria Caracciolo, per il contributo professionale volto al raggiungimento di traguardi importanti e positivi, sempre nel segno e nel rispetto del principio di “buon andamento e imparzialità” della pubblica amministrazione.
    Ringrazio il Direttore per l’impegno profuso nell’attività artistica.
    Un sentito ringraziamento al Collegio dei Revisori per il lavoro svolto con competenza professionalità e grande spirito di collaborazione
    Ringrazio tutti i sindacati con i quali abbiamo sviluppato, nel tempo, rapporti di virtuosa e corretta collaborazione ; in particolare il referente della Uil (RUA) Attilio Bombardieri.
    Saluto infine parte del corpo docente e soprattutto gli studenti che rappresentano, di fatto, la purezza nella quale dobbiamo poterci specchiare quotidianamente: è ciò che veramente deve ispirare il nostro operato quotidiano”.