• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: Biagio Antonacci in tour

    Reggio: Biagio Antonacci in tour

    teatrocilea.JPG
    di Grazia Candido – 
    Biagio Antonacci porta il suo tour “Il cielo ha una porta sola” in riva allo Stretto. E’ fissato per il 29 di gennaio al teatro “Francesco Cilea”, il concerto del cantautore italiano che sta spopolando le classifiche nazionali con il singolo “Il cielo ha una porta sola”, canzone

     inserita nell’omonimo album. Sarà un 2009 d’oro per Biagio Antonacci che, forte del successo ottenuto con il suo ultimo lavoro discografico, si appresta a partire subito dopo le festività, con una serie di date in lungo ed in largo per lo Stivale.

    Il nuovo disco su etichetta SonyBmg, contiene oltre a due brani inediti, tutti i più grandi successi di Antonacci scelti dai suoi fans tramite il sito internet ufficiale. E molti di questi brani, come “Vivimi” e “Tra te e il mare” inserita nell’omonimo album di Laura Pausini, saranno riproposti dal cantante milanese nel suo nuovo tour musicale. Entrambi i brani, che hanno ottenuto un enorme successo di pubblico e critica in Italia e all’estero, sono stati scritti da Biagio per l’amica bolognese con la quale ha da subito instaurato una sinergica collaborazione. Ma il giovane cantautore ha scritto canzoni anche per Mia Martini, gli Stadio, Syria, Angela Baraldi, Flavia Fortunato ed Annalisa Minetti. 

    Tornando al tour, anche Biagio intraprende così come hanno fatto tanti altri suoi colleghi, l’esperienza di cantare e suonare dal vivo all’interno dei teatri, offrendo al suo pubblico una nuova formula di spettacolo, più intimistica, tranquilla e in sintonia con il mood introspettivo dell’ultimo album.

    Il panorama musicale e discografico inizia ad apprezzare il suo talento con il brano “Liberatemi” presentato nel 1992 al Festivalbar e grazie al quale ha ottenuto finalmente un meritato successo.

    In tutti i suoi album, il cantautore non ha mai celato i suoi sogni, gli stati d’animo, l’amore, i sentimenti e tutto ciò che è stato abbandonato e dimenticato dalle generazioni. Ne è un esempio l’album “9 novembre 2001” pubblicato nel 2001 e che ha un importante valore sociale perché “esprime la bellezza ma anche la grande difficoltà a manifestare ed analizzare i sentimenti in un momento in cui l’unica vera rivoluzione è l’amore”.

    L’album vende oltre 400.000 copie ed ottiene il “Premio Lunezia” per il suo valore Musical-Letterario.

    Il giovane “cantore dell’amore” nel 2003 spopola anche nel mercato spagnolo e sudamericano con l’album “Cuanto tiempo…..y ahora” che contiene 13 brani e da lì in poi, la sua carriera discografica è solcata da lavori che hanno segnato la storia della musica italiana. Ricordiamo l’album “Vicky” uscito nel 2007, una raccolta di brani inconsueta che spicca nella produzione musicale dell’artista.

    Pur raggiungendo la notorietà, il cantautore non ha mai abbandonato un’altra sua passione, il calcio, che, ancora oggi, pratica essendo titolare della nazionale cantanti da sempre impegnata per scopi benefici. In una di queste occasioni  ha conosciuto don Pierino Gelmini con il quale ha iniziato un’intensa collaborazione al suo progetto per il recupero di giovani emarginati.