• Home / CITTA / Reggio Calabria / Valanidi: nasce il comitato per l'abbattimento del divario digitale

    Valanidi: nasce il comitato per l'abbattimento del divario digitale

    Domenica 16 novembre , dopo una serie di incontri e riunioni, che hanno visto quali  protagonisti un gruppo di abitanti della Vallata del Valanidi,  si è costituito il ”Comitato per l’abbattimento del divario digitale del Valanidi.”

    Il Comitato ha sede presso il Circolo Culturale “Terra Nostra” di Oliveto. Esso è apolitico, apartitico e senza fini di lucro.

    La Vallata del Valanidi, che dista meno di dieci chilometri da Reggio di Calabria, per tutta la zona a monte di Croce Valanidi, è tecnologicamente isolata in quanto sprovvista di collegamento Adsl, con una rete di telefonia fissa – risalente agli anni Sessanta – assolutamente inadeguata, in assenza di campo per la telefonia mobile e senza segnale Tv per quanto riguarda  il digitale terrestre.

    Da un punto di vista di telecomunicazioni quindi, i paesi di Luppinari, Curduma, Paterriti, Oliveto, Candico, Immacolata, Rosario Valanidi, Ribata, Serro Valanidi e Trunca, sono nel medioevo tecnologico.

    Secondo l’art. 3 dell’atto costitutivo, “…Il Comitato si prefigge di  consentire anche agli abitanti della Vallata del Valanidi la possibilità di accedere alle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione la cui assenza, in atto, determina differenze rilevanti tra persone e famiglie che invece ne beneficiano.

    Tali disparità si ripercuotono sulla qualità della vita e sulle opportunità professionali e culturali e che vanno ad amplificare sul piano tecnologico i tradizionali meccanismi di stratificazione sociale.”

    L’assemblea costituente ha nominato gli organi sociali eleggendo Presidente il Dott. Filippo Ambroggio.

    Gli studenti universitari Annunziato Paviglianiti e Lucia Vartolo sono stati eletti rispettivamente Vice Presidente e Segretaria. Gli altri componenti il Consiglio Direttivo, in rappresentanza di tutte le contrade del Valanidi, sono:

    l’arch. Caterina Siclari, Il geom Nicola Cuzzocrea, gli studenti universitari Basilio Libri,  Pasquale De Stefano, Valentino Gattuso, Marianna Pavone, Chilà Diego, Chiara Azzarà ed Alessandro Triscari.

    L’assemblea ha altresì costituito due gruppi di lavoro riguardanti i temi della comunicazione e dei rapporti istituzionali ed un gruppo di studio riguardante le per le nuove tecnologie.

    Nei prossimi giorni il Comitato avvierà una serie di incontri ed iniziative allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e per sollecitare le Istituzioni e gli Enti competenti affinché si attivino per la risoluzione del problema.