• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio: Martino (Ds) su vicenda interpellanze

    Reggio: Martino (Ds) su vicenda interpellanze

    I consiglieri comunali, nell’esercizio delle funzioni di controllo politico – amministrativo della Giunta, hanno il diritto di interpellare il Sindaco e di ricevere risposta scritta nel termine di trenta giorni.

    Dall’inizio della legislatura sono oltre venti le interpellanze da me inviate al primo cittadino, a norma dell’articolo 46 del Regolamento del Consiglio comunale, e sistematicamente ignorate. Alcune delle quali, in seguito al silenzio dell’amministrazione, inoltrate due volte data l’importanza della questione su cui chiedevo chiarimenti.

    Solo per fare alcuni esempi, alcune delle interpellanze riguardano lo stato di attuazione del progetto di realizzazione della strada alternativa alla Statale Ionica 106, l’inadeguatezza delle rete idrica cittadina, il riutilizzo di immobili confiscati alle organizzazioni mafiose attualmente nella disponibilità del Comune, i tempi occorrenti per l’approvazione del Piano strutturale comunale e del Piano Generale del Traffico urbano, l’interruzione dei lavori del ponte di collegamento fra la via Sant’Antonio di Arangea e via Ciccarello, l’entità delle consulenze esterne per l’integrazione delle famiglie Rom, le procedure di stabilizzazione degli LSU e LPU assegnati al Comune.

    Mi auguro che questo richiamo tramite i mezzi d’informazione locale possa destare l’amministrazione Scopelliti da quello che pare un torpore comunicativo nei confronti dei rappresentanti della cittadinanza reggina che, rebus sic stantibus, non sono agevolati nell’espletamento delle loro funzioni ispettive e di controllo.

    Sarebbe auspicabile, poi, emulare un recente provvedimento dell’amministrazione provinciale di Reggio che ha istituito il “Question time”, uno strumento utilissimo per migliorare il livello comunicativo fra Giunta e Consiglio e ricevere direttamente in aula e con immediatezza chiarimenti da parte dell’organo esecutivo.

    Non è utile a nessuno, in particolare alla città, nascondersi dietro muri di silenzio. L’indifferenza in cui si imbattono i consiglieri d’opposizione ed il mancato rispetto del Regolamento consiliare è sintomo di una riottosità alle pratiche democratiche che, certamente, non gioverà alla crescita di Reggio.

     

     

    Reggio Calabria, 20 novembre 2008

     

     

    Il capogruppo dei D.S. al Consiglio comunale di Reggio Calabria

    Dott. Demetrio Martino