• Home / CITTA / Reggio Calabria / Melito: inaugurazione della storica carrozza-ambulanza

    Melito: inaugurazione della storica carrozza-ambulanza

    La FIDAPA di Melito Porto Salvo, dopo un’accurata opera di restauro, resa possibile grazie anche al contributo dell’Assessorato alla Cultura e Beni Culturali della Provincia di Reggio Calabria,consegna all’Ospedale “Tiberio Evoli” la Carrozza-Ambulanza storica del 1911.

     

    All’inaugurazione  hanno assicurato la loro presenza il Vice Presidente della Provincia Dottor Gesualdo Costantino e l’Assessore  Provinciale alla Cultura e Beni Culturali  Dottor Santo Gioffrè,oltre, naturalmente, il Sindaco di Melito Giuseppe Iaria e altri Amministratori,. anche dei centri dell’Area Grecanica.

     

    Questa autentica “chicca” , la Carrozza-Ambulanza dell’Ospedale, come si ricorderà, è stata riportata alla luce dall’Associazione Fidapa, in occasione del Convegno, nel Luglio 2007, “Tiberio Evoli : tutta una vita per un’idea”, a quaranta anni dalla morte dell’Illustre fondatore del nostro Ospedale.

    Si è visto subito che  il tempo aveva lasciato i segni sulla carrozza. Un’importante opera di restauro si rendeva necessaria, ma l’appello dell’allora Vice Presidente è  rimasto inascoltato. Ed è per questo che l’Associazione, un anno dopo,ha deciso di farsi carico del restauro della Carrozza-Ambulanza. Un grazie di cuore va all’Assessore Santo Gioffrè, che da uomo di cultura qual è, ha dimostrato grande sensibilità e  non ha esitato un attimo ad offrire all’Associazione  l’aiuto dell’Assessorato alla Cultura e Beni Culturali, rendendosi conto che la Carrozza è  una vera e propria rarità.

     

    Quindi ,la Fidapa  ha voluto fortemente questo restauro e si augura che la carrozza diventi un po’ il simbolo di un’antica “grandezza “ dell’ospedale di Melito e che ci sia  in tutti noi quello scatto d’orgoglio perché  l’ospedale possa ritornare ad essere grande  come un tempo.

    La Fidapa ha  fatto questo con il cuore, con senso d’appartenenza ad una comunità che ha il suo punto di riferimento proprio nell’ospedale.