• Home / CITTA / Reggio Calabria / Mediterranea e Regione: "rapporto di reale collabroazione"

    Mediterranea e Regione: "rapporto di reale collabroazione"

    Non può che essere definito estremamente produttivo ed efficiente il rapporto ,di reale collaborazione tra le Regione Calabria e l’Università di Reggio Calabria ,negli interessi dei tanti studenti che hanno preferito non emigrare per la prosecuzione del loro percorso didattico ,scegliendo,l’offerta “Mediterranea”.

    Il continuo percorso di sviluppo della stessa,si pone in concerto con il reale aiuto da parte dell’ente regionale,esempio tangibile sono ad esempio, i corsi di azzeramento con  la possibilità di usufruire di un vaucher di 400 euro per chi ha scelto di rimanere a studiare a Reggio Calabria.

    Oltre a questo,saranno sempre attivati,da inizio attività accademiche,dei corsi di lingua,Spagnolo e Inglese rivolti principalmente all’utenza studentesca,con i vari livelli e gradi di competenza,proprio per far si che gli studenti Calabresi possano essere messi al pari degli altri colleghi del nord,perché ovviamente investire sull’Università,vuole dire investire sul futuro delle nuove generazioni.

    A questo va ad aggiungersi il processo di informatizzazione la vera novità di quest’anno accademico ,verranno infatti evitate le lunghe code in segreteria grazie alle iscrizioni on-line,un percorso intrapreso da tempo che finalmente sta avendo compimento,anche da un punto di vista strutturale grazie all’interessamento del magnifico Rettore Prof.Giovannini e del direttore amministrativo dott.Romeo nuovi spazi saranno destinati agli studenti,la ricettività sarà ampliata e migliorata.

    Nonostante i tagli perpetuati dal governo Berlusconi,tra l’altro condannati anche in un intervento al Sole 24 ore, dal prof. Enrico Decleva,presidente della Crui che analizza 60 milioni di euro in meno nel 2008,190 nel 2008 con un massimo di 450 milioni di euro nel giro di tre,quattro anni,senza contare l’aumento delle spese, fortunatamente c’e’ in Calabria chi cerca in ogni modo di scongiurare tutto ciò dimostrandosi realmente vicino alle esigenze che non sono di un colore politico ma che interessano il futuro del paese evitando pertanto il collasso delle Università in Calabria.

     

    Antonino Castorina

    Consigliere di Amministazione Ardis “Università Mediterranea”

    Francesco Gatto

    Vice Presidente “Ius Rheginum Onlus”