• Home / CITTA / Reggio Calabria / Caulonia: Tarantella Power…addio?

    Caulonia: Tarantella Power…addio?

     

    tarantella_power.jpg

    All’approssimarsi della sua X edizione il Festival di musica popolare Tarantella Power di Caulonia giunge al suo capolinea. Diventato negli anni un punto di riferimento per quanti amano la musica tradizionale e non, il festival è cresciuto

    grazie all’impegno e alle capacità organizzative dell’associazione A.R.P.A., che in concerto con tutta la comunità cittadina ha fatto di Caulonia la capitale della tarantella in Calabria. Un vero e proprio evento culturale e musicale, apprezzato e atteso tutto l’anno sia dai calabresi che dai tanti ospiti giunti appositamente per seguire i concerti, ma anche i corsi di strumento e danza offerti durante le date del festival, sicuri dell’ospitalità e della qualità della manifestazione.

     

    Per la delusione di tutti, quest’anno la decima edizione di Tarantella Power non avrà luogo, di certo non a Caulonia. La Giunta e il Consiglio comunale hanno deciso, per l’interesse della comunità, che la manifestazione fondata e brillantemente diretta per nove anni non andava più bene. Tenteranno di sostituirla improvvisando al suo posto una cosa diversa, ma somigliante il più possibile, ma ai nostri affezionati estimatori diciamo: diffidate delle contraffazioni!

     

    L’A.R.P.A. lascia. Stremata dalle polemiche e dalle continue incursioni delle tifoserie contrapposte, come in un eterno Bar Sport. Amareggiata per non essere riuscita a far comprendere l’ambizione e il progetto culturale di un festival che così tanta gente ha mosso da ogni parte d’Italia. Se ne va da Caulonia, ospite indesiderata, ma non prima di aver ringraziato tutti i cittadini e gli amministratori che in questi anni hanno sostenuto e apprezzato il suo operato.

     

    Grazie a tutti voi, e arrivederci nella nuova sede.

    L’A.R.P.A.

     

     

    CRONISTORIA (LA DISCESA IN 10 TAPPE)

    28 marzo 2008, la giunta comunale di Caulonia approva il progetto TARANTELLA POWER decima edizione affidandone all’A.R.P.A. la direzione artistica (Del. n. 114). Ma ci sono delle novità, compaiono due figure un consulente artistico ed un direttore scientifico. I designasti sono Eugenio Bennato per il ruolo artistico ed il Prof. Vito Teti per quello scientifico. L’evento dovrebbe svolgersi dal 26 al 31 agosto e in una delle serate è previsto il concerto di Eugenio Bennato.

    Il 3 aprile la giunta approva l’invio del progetto alla Provincia di Reggio Calabria per la richiesta di contributi (Del. n. 123).

    Il 18 aprile la giunta cambia nell’oggetto il nome del festival che diventa CAULONIA TARANTELLA FESTIVAL. La delibera approva una bozza di convenzione: A.R.P.A. organizza e dirige come sempre l’evento, l’amministrazione comunale pretende di “proporre” il nome di un artista e di nominare i due consulenti (Del. n. 139).

    Comincia il balletto dei nomi, il 9 maggio il consiglio cambia ancora il nome della manifestazione che diventa TARANTELLA FESTIVAL (Del. n. 8). Un consigliere propone invece Caulonia Taranta Festival. Si demanda all’assessore alla cultura il compito di proseguire per la definizione definitiva del progetto della manifestazione secondo quanto previsto nelle delibere 114 e 139, tenendo conto anche delle determinazioni e proposte emerse nell’odierna seduta del consiglio.

    L’assessore alla cultura  lavora con A.R.P.A. a una bozza di convenzione che prevede che l’evento abbia il nome di TARANTELLA POWER CAULONIA FESTIVAL. E’ prevista anche la realizzazione di un nuovo logo CAULONIA FESTIVAL (visto che Tarantella Power è un marchio di A.R.P.A.) che comparirà sul manifesto e su tutti i materiali. Si legge inoltre che “nessun altro logo potrà comparire se non dietro accettazione da parte dell’amministrazione comunale ed A.R.P.A.”. La convezione viene firmata da A.R.P.A. in data 4 giugno.

    Il 19 giugno (Del.n. 226) la giunta comunale cambia ancora la convenzione modificando la denominazione in Caulonia Tarantella Festival e aggiungendo che “nessun altro logo potrà comparire se non dietro accettazione da parte dell’amministrazione comunale”. In pratica senza alcuna giustificazione l’A.R.P.A. viene estromessa da tutto ciò che riguarda l’immagine e la comunicazione relativa all’evento perdendo anche la paternità della manifestazione.

    L’A.R.P.A. contesta le modifiche e il 12 luglio incontra la giunta per discutere e trovare un accordo, che ovviamente non arriva. Con una nota il sindaco di Caulonia invita A.R.P.A. a firmare la convenzione in quanto le modifiche sono state apportate “a tutela dell’immagine e nell’interesse di questo Comune”. Il 17 luglio ARPA risponde rinnovando e motivando il suo dissenso alla sua estromissione forzata e immotivata.

    Nel consiglio comunale del 22 luglio, a circa un mese dall’apertura del festival, l’assessore alla cultura comunica che il comune gestirà direttamente l’evento attraverso uno special team composto da dipendenti comunali ed addetti ai lavori, tutti rigorosamente cauloniesi… ma sotto la consulenza artistica di Eugenio Bennato. Si chiamerà Caulonia Tarantella Festival. La maggioranza è compatta e decisa a lottare per la democrazia, la minoranza sottolinea che visto i precedenti atti c’è il rischio di aprire un contenzioso con A.R.P.A.

    Il 29 luglio compaiono i manifesti dell’estate cauloniese. Il nome del festival si attesta su Kaulonia Tarantella Power Festival e la data di svolgimento prevista è dal 24 al 30 agosto.

     Il sito del comune continua a pubblicizzare il KAULONIA TARANTELLA FESTIVAL X edizione.. ma decima di che? Regione e Provincia hanno erogato fondi per 150 mila euro al festival Tarantella Power, il comune può cambiare nome all’evento senza correre il rischio della perdita del finanziamento? Se dovesse mantenere il nome Tarantella Power (con qualsiasi aggiunta di termini) A.R.P.A. potrebbe agire per vie legali per violazione del copyright sul marchio.


    Riceviamo e pubblichiamo da Arpa