• Home / CITTA / Reggio Calabria / Annà: squadra nautica Ps sequestra acqua scooter

    Annà: squadra nautica Ps sequestra acqua scooter

    Ancora un risultato positivo dall’attività operativa di prevenzione in mare condotta dalla Squadra Nautica della Questura di Reggio Calabria.

     

    Questa volta, l’attenzione del personale della Polizia di Stato si è spostata sul versante ionico con mirati servizi di prevenzione e repressione delle violazioni al codice della navigazione ad opera di centauri a bordo di potenti moto d’acqua poco sensibili alla sicurezza dei bagnanti.

     

    Nel pomeriggio di venerdì, infatti, due unità navali della Polizia di Stato e personale sottocopertura a bordo di un mezzo navale, non individuabile come appartenente a forze di polizia, hanno pattugliato le acque antistanti le coste del versante ionico, dal porto di Saline al lungomare del Comune di Melito P.S.

     

    L’attività di prevenzione, svolta con l’ausilio di personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica addetto alle riprese fotografiche dei virtuosi delle pericolose evoluzioni  in mare, ha dato ancora una volta i suoi frutti, in quanto ha consentito di individuare e porre sotto sequestro penale una moto d’acqua e di denunciare il conducente, in violazione della normativa sulla navigazione, rampollo della nota famiglia mafiosa degli “IAMONTE” di Melito Porto Salvo, N.I. classe 1989, che, con la propria condotta di guida, pregiudicava la sicurezza dei bagnanti intenti a godersi sole e mare nel litorale di Annà di Melito P.S.

     

    Salgono a sei, quindi, le moto d’acqua sequestrate penalmente dalla Squadra Nautica della Questura di Reggio Calabria da inizio stagione e 6 le denunce di conducenti per reati previsti e puniti dal Codice della Navigazione. Si rammenta che la navigazione in sicurezza, per questi potenti veicoli del mare, è quella che si svolge entro 300 metri dalla costa; la violazione di questa fondamentale regola di sicurezza non solo costituisce fattispecie penale con relativo sequestro del mezzo quale corpo del reato, ma, in caso di condanna, comporta anche la sospensione della patente nautica.

     

    L’attività di monitoraggio delle coste reggine da parte dei mezzi nautici della Questura di Reggio Calabria proseguirà con cadenza giornaliera per tutto il mese di agosto.-