• Home / CITTA / Reggio Calabria / Ontheroad: il teatro di strada torna sullo Stretto

    Ontheroad: il teatro di strada torna sullo Stretto

    Ontheroad: Reggio protagonista dal 24 al 29 giugno del festival internazionale del teatro di strada, un grande evento che celebra la gioia e la fantasia. Clown, musicisti, giocolieri, mimi, fantasisti provenienti da tutte le strade del mondo, si esibiranno per 6 giorni nella magica atmosfera dello Stretto. Location della manifestazione: il Corso Garibaldi e il Lungomare Falcomatà dove in programma ci saranno ogni giorno performance, esibizioni, laboratori, seminari, conferenze e dalle 21.00 grandi spettacoli all’Arena Ciccio Franco ed a Piazza Camagna.

    Il progetto prevede lo svolgimento di diverse attività di spettacolo, finalizzate all’attuazione di una strategia di comunicazione della cultura del territorio e di diffusione e promozione dell’immagine della città di Reggio Calabria in Italia ed all’estero. Le attività di spettacolo sono tematiche (Clown, musica, arte circense). I gruppi coinvolti sono rappresentanti di diverse aree geografiche e di diverse culture teatrali

    Viene garantita la presenza anche di artisti singoli e di gruppi meno conosciuti per una piccola sezione “Off” del festival. Agli artisti singoli viene riconosciuta la possibilità di esibirsi secondo la tradizione di tutti i festival di teatro di strada.

    E’ prevista l’integrazione delle attività con Seminari che si rivolgono sia ad un’utenza locale, a coloro che vogliono sfruttare la possibilità di apprendere da artisti che rappresentano tecniche teatrali molto rare sul territorio, sia a studenti o attori che vengono dall’Italia o dall’estero in modo da amplificare anche l’effetto di ricaduta turistica.

    Sono anche previste due conferenze una tenuta da Italo Bertolasi responsabile di Clown One Italia e l’altra da Magnolio Sposito De Oliveira rappresentante del progetto “Saude e Alegria”

    Sarà allestita una mostra fotografica sulle attività del festival dello scorso anno curata da Marco Salustro

    Una sezione del festival è strategicamente legata al coinvolgimento della città “invisibile” cioè periferie e strutture di accoglienza (ospedali, centri di ricovero per anziani o diversamente abili) attraverso il “Clown tour” che permetterà che un‘equipe di clown specializzati nell’animazione ospedaliera o di corsia si esibiscano in molte strutture sanitarie della città. Un tributo che il teatro classico e il circo hanno sempre dedicato al mondo della sofferenza. Questa sezione quest’anno sarà curata da Clown One organizzazione fondata da Patch Adams e vedrà la partecipazione di 20 persone provenienti da diverse parti del mondo guidate dal fratello del famoso dottore-Clown.

    Infine il Festival produrrà uno spettacolo tra artisti italiani ed europei che verrà inserito nella programmazione di altri festival di teatro che hanno già dato la loro adesione al progetto e che si terranno a Barcellona e Berlino.

    È prevista la partecipazione di oltre 70 Artisti provenienti da tutte le parti del mondo.

     

    Programma:

     24 giugno:  Ore 15.30        Città Invisibili – Clown Tour (Clown One Italia) – Giornata dedicata ai bambini degenti nei reparti di pediatria dell’Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli

    ore 21.00         Piazza Camagna – Conferenze

    Italo Bertolasi: “Ambasciatori del sorriso” – Clown One Italia – Proiezione foto e presentazione del libro fotografico dei viaggi in zone di guerra con Patch Adams.

    Magnolio Sposito De Oliveira e Flavia Rebelo Mochel proiezione video e presentazione del progetto “Saude e Alegria” (Brasile) – La conferenza verte sulle emergenze ambientali legate all’Amazzonia, sulle ripercussioni dei processi di disboscamento e sulle attività in corso ad opera di una delle più impegnate organizzazioni non governative del Brasile. Un’ampia documentazione video, illustrerà le aree incontaminate della grande foresta e le aree disboscate insieme con i progetti in corso per l’aggregazione sociale e il sostegno sanitario.

    25 giugno

    Ore 10.30        Città Invisibili – Clown Tour – Interventi presso “Centro Diurno Armonia”

    Ore 18.00        “Filo conduttore” – Spettacoli di teatro di strada dell’ensemble del festival, interventi di animazione sul Corso Garibaldi.

    Ore 21.00        Arena Ciccio Franco 

    “Karakolo-fool” – Spettacolo Musicale – Produzione Europea

    Lo spettacolo è una produzione del Festival con la collaborazione di gruppi provenienti da Spagna, Italia e Germania.

    26 giugno

    Ore 10.30        Città Invisibili – Clown Tour – Interventi presso UNITAS Catholica

    Ore 11.30        Presentazione del libro “Un teatro nel paesaggio” – Biblioteca Comunale

    di Sista Bramini, fotografie Francesco Galli, introduce Claudio La Camera

    Ore 18.00        “Filo conduttore” – Spettacoli di teatro di strada dell’Ensemble del Festival, interventi di animazione sul Corso Garibaldi.

    Ore 18.00        Piazza Camagna

    “Il ballo della principessa Brambilla”

                            “Il giro del mondo in ottanta giorni”

    “Racconti dal mondo incantato”

    Spettacoli dedicati ai bambini a cura del Teatro Proskenion e dell’Associazione Teatro Laboratorio

    Ore 21.00        Arena Ciccio Franco 

    “Vagalume” – Spettacolo di musica brasiliana diretto da Dimir Viana

    27 giugno

    Ore 10.30        Città Invisibili – Clown Tour -Iinterventi presso Centro Aratea e Centro Sportivo Mirabella

    Ore 18.00        “Filo conduttore” – Spettacoli di teatro di strada dell’Ensemble del Festival, interventi di animazione sul Corso Garibaldi

    Piazza Camagna

    Ore 19.45        “Miti d’acqua” – Compagnia O Thiasos Teatro Natura

    Con Sista Bramini e Camilla Dell’Agnola alla viola

    Ore 21,00        Piazza Camagna

    “Pip and the 7th swords” – Spettacolo del gruppo The Working Party, (Berlino)

    Con Philippa Hill e Zé Regino. Regia di Zé Regino.

    Ore 22.30        Lungomare Falcomatà

                            Gruppo Teatrale “La Gurfata” – Spettacolo di teatro di strada.

    28 giugno

    Ore 10.30        Città Invisibili – Clown Tour – Interventi presso struttura psichiatrica residenziale di Pietrastorta

    Ore 16.00        Clown in piazza – Interventi di animazione e laboratori a Piazza Camagna

    Ore 18.00        “Filo conduttore” – Spettacoli di teatro di strada dell’Ensemble del Festival, interventi di animazione sul Corso Garibaldi

    Ore 21.00        Piazza Camagna

    “Kumari” – Spettacolo di teatro-danza con Manju Ale (Nepal)

    La danza Kumari è  una danza Charya che viene eseguita per rendere omaggio alla dea Kumari.

    29 giugno

    Ore 10.30        Città Invisibili – Clown Tour – Interventi presso il centro di riabilitazione psichiatrica Villa Sant’Agata – Gallina

    Ore 16.00        Clown in piazza – Interventi di animazione e laboratori a Piazza Camagna

    Ore 18.00        “Filo conduttore” – Spettacoli di teatro di strada dell’ensemble del festival, interventi di animazione sul Corso Garibaldi

    Ore 21.00        Piazza Camagna

    “Ritmando” – Spettacolo di clownerie musicali, con il gruppo Albatros (Brasile)

    ore 23,00         Piazza Camagna

    “Manjushree” – Spettacolo di teatro-danza con Manju Ale (Nepal)

    Il culto di Manjushree, il “Dio della Divina Saggezza”, conferisce padronanza del dharma, memoria storica, perfezione mentale ed eloquenza.

         

    Mostra:

    24/29 giugno    Teatro Cilea

    Marco Salustro. “Clown in viaggio” mostra fotografica.

     Seminari e laboratori:

    Per informazioni ed iscrizioni telefonare allo 0965.645365 dalle 10.00 alle 13.00 dal lunedì al venerdì

     “Il Corpo che ride”

    Seminario a cura di Ginevra Sanguigno – clown presidente di Clown One Italia – team del dott. Patch Adams Gesundheit Institute U.S.A.

    Premessa generale

    Il clown incarna i caratteri della creatura fantastica, ed esprime l’aspetto irrazionale dell’uomo, la componente dell’istinto, della creatività nei suoi aspetti più multiformi e fantastici. Il clown è una creatura che sogna, e attraverso la sua visione del mondo dà libertà e respiro a chi lo guarda.

    La figura del clown, del pagliaccio, del giullare, questo strano essere tra il folletto e l’ubriacone, fatto di sogno, di torte in faccia, è stato scelto come simbolo di gioia e di innocenza. Nelle corsie d’ospedale, anche grazie al successo del film “Patch Adams”, la figura del clown dottore è riconosciuta come figura di sostegno e di aiuto concreto ai percorsi terapeutici, sia con i bambini che con gli adulti. La nostra società, ammalata di solitudine, adotta la figura del clown come messaggero di pace e solidarietà.

    Sono ammessi massimo 25 partecipanti.

    Durata: tre giorni.

     

    “Educologia ambientale”

    Seminario a cura di Magnolio Sposito de Oliveira.

    Premessa generale

    Uno dei modi per acquisire una disciplina fisica che restituisce equilibrio al corpo e alla mente è quello di “imparare dalla natura”. L’educologia ambientale ideata da Magnolio  è una disciplina che, partendo dall’esplorazione sensoriale dello spazio, porta l’individuo a riscoprire il proprio corpo nella sua naturalezza, creando una propria originale educazione fisica. Magnolio ha ideato l’educologia dopo molti anni di attività come clown e come operatore culturale nella foresta amazzonica.

    Durata: due giorni.

     

    “Pulcinella”

    Seminario di approfondimento a cura di Valerio Apice

    Il Laboratorio:

    Il lavoro sulla maschera di Pulcinella parte dagli elementi base dell’uso della maschera, giungendo ad esplorare le potenzialità dei testi, fino a seguire le linee che guidano l’improvvisazione a teatro. Il laboratorio ha la durata di tre giorni e vuole approfondire la tecnica del come indossare e rendere viva la maschera teatrale.

    Programma:

    Il laboratorio intende esplorare le energie che si celano dietro l’uso di una maschera; la capacità dell’attore di farsi duttile per il lavoro al chiuso e in strada; la musicalità di un testo; la relazione con il compagno di scena; la trasformazione dei compiti dati dal regista.

    Ai partecipanti è richiesto di indossare abiti comodi; portare un testo di poesia a memoria e, per chi suona, uno strumento musicale.

    Sono ammessi massimo 15 partecipanti.

    Durata: tre giorni.

     www.artistiperstrada.com