• Home / CITTA / Reggio Calabria / Michele Tripodi: "Rivitalizzare Ospedale di Polistena"

    Michele Tripodi: "Rivitalizzare Ospedale di Polistena"

    Dall'assessore provinciale Michele Tripodi riceviamo e pubblichiamo

    L’ospedale di Polistena rappresenta un reale punto di riferimento per la sanità pubblica della Piana. I suoi operatori lavorano con serietà, continuità, e professionalità per garantire un servizio efficiente e funzionale a tutti i cittadini, nonostante nella Piana di Gioia Tauro i posti-letto attivi siano inferiori di un terzo rispetto agli standard imposti dalle leggi nazionali rispetto alla popolazione residente, che valgono sempre, sia quando si parli di postazioni di guardia medica, sia quando si parli di servizi ospedalieri.

    Una realtà, quella dell’ospedale di Polistena, che va dunque salvaguardata, tutelata, valorizzata, che potrebbe esprimere molto di più se venissero attivati nuovi servizi, aperti nuovi reparti ed istituite nuove specialità, ma soprattutto se vi fosse una sensibilità maggiore da parte dei vertici aziendali, per comprendere i problemi ed offrire soluzioni immediate e concrete.

    E’ infatti impensabile che l’ospedale di Polistena, sia da circa due mesi senza uno stabile Direttore Sanitario, né Direttore Amministrativo, figure importantissime per coordinare i tempi della struttura e i ritmi del lavoro degli operatori. Questo vuoto si sta protraendo inspiegabilmente, causando enormi disfunzioni che si ripercuotono sull’organizzazione dei servizi prestati nell’ospedale.

    A ciò si aggiunge la mancanza di liquidità dell’ufficio economato che, potrebbe sembrare cosa minima, ma costituisce un ostacolo insormontabile finanche all’acquisto di piccoli beni in caso di emergenze quotidiane.

    Inoltre il problema del Pronto Soccorso rimane aperta ancora la vexata quaestio dell’ospedale.

    Ci aspettiamo che al pronto soccorso dell’ospedale di Polistena vengano assegnate nuove unità di personale, in quanto permangono enormi difficoltà nella gestione dei turni di medici e operatori, i quali si sacrificano da molto tempo ormai per sostenere un lavoro di proporzioni abnormi, soprattutto in coincidenza delle emergenze d’estate.

    Auguriamo che i molto attesi lavori di ammodernamento del pronto soccorso e di spostamento e ristrutturazione della sala morgue, finanziati dall’Amministrazione Provinciale grazie all’impegno del sottoscritto, vengano iniziati quanto prima per assicurare spazi maggiori e moderni in una prospettiva di crescita per l’intero ospedale.

    A proposito di emergenza, sembra che l’Azienda voglia procedere ad esternalizzare il servizio 118, affidandolo a privati come all’epoca della gestione Pieri, con costi notoriamente aggiuntivi, quando invece sarebbe più ragionevole potenziare il servizio interno, visto che delle tre ambulanze presenti nella Piana, una è ancora ferma per mancanza di autisti.

    Così come si stanno giustamente potenziando gli organici medici del SUEM, sarebbe altrettanto necessario infatti dare esecuzione alla delibera della Giunta Regionale, attuata solo parzialmente, per l’assunzione di 12 autisti nell’ASP di cui sei nella Piana di Gioia Tauro, prevenendo disservizi e tragedie che dovrebbero rimanere a memoria.

    Il diritto alla salute non può essere dilazionato, ma richiede tempi brevi e risposte immediate che giustamente vengono reclamate da coloro, i cittadini, che si scontrano spesso con guasti e disservizi. E l’ospedale di Polistena oggi, per il numero di utenze che serve, circa il 65% di tutta la Piana, non può essere relegato o considerato ospedale di periferia.

     

     

     

    Michele Tripodi

     

    ASSESSORE PROVINCIALE

    SEGRETARIO LOCALE SEZIONE PDCI