• Home / CITTA / Messina / Emergenza incendi, Fns Cisl Messina: «Serve potenziare le piante organiche e programmare un’assegnazione straordinaria di mezzi»

    Emergenza incendi, Fns Cisl Messina: «Serve potenziare le piante organiche e programmare un’assegnazione straordinaria di mezzi»

    Ormai da diversi giorni i Vigili del Fuoco di Messina si trovano a lottare incessantemente contro gli incendi boschivi e di interfaccia.

    Un’emergenza incendi che, come ogni anno, si presenta nella sua drammaticità e, per questo, serve un maggior controllo del territorio per riuscire ad incastrare chi appicca incendi, perché di incendi dolosi si tratta o nel migliore dei casi colposi.
    «Ci ritroviamo a denunciare con forza le problematiche che affliggono i Vigili del Fuoco siciliani ed in particolare di Messina. – afferma Lillo Pagano, segretario generale di Fns Cisl Messina – Alla inadeguatezza delle piante organiche si aggiungono i problemi generati da un parco automezzi insufficiente per assolvere a tutte le tipologie di interventi».
    Il Comando dei Vigili del fuoco di Messina ha bisogno di interventi immediati mirati alla risoluzione delle criticità per questo motivo martedì scorso, in un incontro a Palermo con il Capo Dipartimento ed il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, la Fns Cisl Sicilia ha chiesto l’incremento delle piante organiche e l’assegnazione straordinaria di mezzi per la Sicilia ricevendo l’impegno che sarà portato avanti un progetto in tale direzione.
    «È doveroso – sostiene Pagano – far sapere alla popolazione messinese che, a causa dell’emergenza incendi di questi giorni il personale dei vigili del fuoco è allo stremo delle forze ma grazie alla totale abnegazione è sempre presente sul territorio, effettuando turni raddoppiati per poter garantire la sicurezza in tutta la provincia di Messina. Pertanto, è doveroso da parte nostra esprimere sentimenti di gratitudine verso tutti i colleghi vigili del fuoco impegnati intensamente in questo periodo, come già fa la cittadinanza giornalmente».