• Home / CITTA / Messina / Messina – Turismo e accoglienza, la Confcommercio fa cartello e crea una rete di imprenditori

    Messina – Turismo e accoglienza, la Confcommercio fa cartello e crea una rete di imprenditori

    Coinvolgere tutti gli imprenditori del settore dell’accoglienza attraverso uno strumento dinamico che abbia come obiettivo quello di fare di Messina una città da vivere.

    Parte da qui la rete di imprenditori, alcuni dei quali facenti parte della giunta e del consiglio di Confcommercio Messina, promossa dal presidente Carmelo Picciotto che attraverso una serie di incontri ha già coinvolto decine e decine di soggetti operanti nel settore per rilanciare e sostenere il turismo in città. “Già a partire dal Festival della Crescita avevamo avviato come Confcommercio un percorso che vedeva nella rigenerazione urbana la scommessa per rilanciare l’economia cittadina – dichiara il presidente – Partendo da lì abbiamo realizzato importanti iniziative come il presepe di Piazza Duomo, che in meno di un mese ha attirato migliaia di visitatori. Oggi quel lavoro di squadra, compiuto insieme agli imprenditori messinesi, sempre presenti, continua e produce un nuovo frutto. Una cabina di regia composta da soggetti che hanno scelto ancora una volta di credere e investire in questa città.” “Il lockdown – prosegue Picciotto – ha sicuramente imposto una modifica nel metodo di lavoro, ma l’obiettivo era ed è rimasto quello di puntare su Messina. Abbiamo già programmato una serie di incontri con diversi imprenditori del settore dell’accoglienza, anche sulla base della piattaforma Visit Me promossa dall’amministrazione comunale, nelle persone del sindaco Cateno De Luca e degli assessori Caruso e Musolino – spiega il presidente – Obiettivo primario quello di dotare la città di una solida alleanza tra pubblico e privato che spinga in alto il brand Messina, puntando su importanti settori come l’enogastronomia, al momento motore del turismo italiano con il 53 per cento delle preferenze.” “La ripresa, che presto ci sarà, ne sono certo, – conclude Picciotto – non deve trovarci impreparati, ma deve vederci protagonisti”.