• Home / CITTA / Crotone / Crotone: progetto per collaborazione tra province del mar Ionio

    Crotone: progetto per collaborazione tra province del mar Ionio

    <!– /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} @page Section1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>

    «Ho sempre sostenuto che il Mediterraneo può rappresentare un’occasione di sviluppo per il Mezzogiorno e attraverso questo progetto possiamo puntare ad una emancipazione del nostro territorio in tutte le sue sfaccettature». Così il presidente della provincia di Crotone, Sergio Iritale, ha introdotto la riunione delle dieci Province (Siracusa, Catania, Messina, Reggio Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Taranto, Matera e Lecce) aderenti al progetto “Riva Sud”, tenutasi a Roma presso la sede dell’Upi (Unione Province d’Italia). Il progetto, ideato e promosso dall’Amministrazione provinciale di Crotone, punta creare una rete tra le Province che si affacciano sul mare Ionio, per superare insieme i gap economici e sociali dei territori e sfruttare al contempo le prossime opportunità di sviluppo. «Abbiamo l’esigenza – ha sottolineato Iritale – di tirarci fuori da una situazione di isolamento che subiamo contro la nostra volontà e lo possiamo fare mettendo insieme le nostre diverse identità culturali e stabilendo le prime azioni da intraprendere. Lo strumento – ha aggiunto – può essere quello della fondazione o anche altri che siano adatti allo scopo che si vuole raggiungere». Durante l’incontro, presieduto dal consigliere provinciale Dionisio Gallo, in qualità di membro della commissione sviluppo economico dell’Upi, sono intervenuti i rappresentanti delle dieci Amministrazioni provinciali. In conclusione, il presidente Iritale ha proposto di stabilire almeno tre linee guida su temi di comune interesse, su cui sviluppare, in un prossimo incontro, le azioni da intraprendere per arrivare ad un programma condiviso. La Rivasud del Mare Jonio si presenta come uno scrigno di esperienze, valori condivisi e convissuti, spesso più esistenzialmente convissuti che razionalmente condivisi. La Rivasud, con le sue dieci province, può essere intesa e progettualizzata come un primo esperimento euromediterraneo di nuova sintesi tra civilizzazioni, culture, religioni. Per questo occorre saper comprendere le potenzialità e i limiti, i punti di forza e di debolezza nel contesto di specifiche strategie politiche di riequilibrio lungo l’asse Sud Europa Mediterraneo. (Provincia di Crotone)