• Home / CITTA / Crotone / Crotone: tre scuole costruite su materiale tossico

    Crotone: tre scuole costruite su materiale tossico

    Due scuole a Crotone ed una terza a Cutro sono sorte sopra uno spesso strato di rifiuti altamente tossici, utilizzati come materiali da costruzione anziche’ essere smaltiti in apposite discariche dagli stabilimenti industriali della zona. E’ uno degli aspetti che emergono dall’operazione della Polizia di Stato denominata ‘Blak Mountains’ che questa mattina ha portato al sequestro di ben 18 aree disseminate lungo tutto il territorio crotonese ma anche a Cutro e Isola Capo Rizzuto. Tra queste anche il piazzale della scuola elementare San Francesco, che ospita 37 aule, quello dell’Istituto tecnico commerciale nel quartiere Marinella e ancora quello della scuola elementare nel rione Pozzoseccagno a Cutro. Stando alle perizie tecniche disposte dalla Procura della Repubblica i bambini, insomma, starebbero seduti su una micidiale miscela di scorie provenienti dal processo produttivo dello stabilimento Pertusola sud di Crotone, l’impianto metallurgico che ha chiuso i battenti alla fine degli anni Novanta. Scorie nelle quali sono state rinvenute tracce di arsenico e di altri sostanze cancerogene, che dovevano essere smaltite in discarica e che invece sono state cedute a due imprese di costruzioni di Crotone che le hanno impiegate nei lavori di realizzazione di scuole, alloggi popolari e villette private, banchine portuali e strade. (AGI)