• Home / CITTA / Cosenza / Unical, Alessandro Notarstefano presenta “L’orizzonte degli eventi” agli studenti del DiCes

    Unical, Alessandro Notarstefano presenta “L’orizzonte degli eventi” agli studenti del DiCes

    Si terrà domani, giovedì 18 novembre, alle 9.30 nell’aula Nettuno – cubo 17/B piano zero – del Dipartimento di Culture, Educazione e Società dell’Università della Calabria la presentazione dell’ultima fatica letteraria del Direttore di Gazzetta del Sud, Alessandro Notarstefano, “L’orizzonte degli eventi”. L’incontro di studio è stato promosso dai docenti del Corso di Studio Unificato in Scienze dell’Educazione e Scienze Pedagogiche Unical, Rossana Rossi e Giancarlo Costabile, e vedrà la partecipazione di Angela Costabile, Ordinario di Psicologia dell’Educazione e Delegata rettorale all’Orientamento in Ingresso e al Counselling Psicologico, di Ines Crispini, Ordinario di Filosofia Morale e Presidente del Comitato Etico di Ateneo, e di Arcangelo Badolati, Responsabile della Redazione Cosentina di Gazzetta del Sud. I lavori saranno aperti dai saluti istituzionali del Direttore del Dipartimento DiCes Roberto Guarasci, Ordinario di Archivistica, e la discussione sarà invece conclusa dal Direttore Alessandro Notarstefano.

    Quarta di copertina

    L’orizzonte degli eventi è il racconto di una vita vissuta intensamente: idee, speranze, disillusioni, amori sani e malati, le stagioni felici e quelle più grigie. C’è il bambino che ama gli aquiloni, c’è l’uomo, un fotoreporter che insegue la verità, e ha un figlio intelligentissimo e sensibile oltre ogni misura, c’è il vecchio che mette a bilancio i sentimenti attraversati nel corso degli anni. E ci sono sette donne che lasciano il segno nella vita del protagonista, tra cuore e sesso, nostalgia e qualche rammarico. I fotogrammi di un’intera esistenza riappaiono, insieme, là dove il tempo – per un istante – s’allinea e s’azzera, in quel non luogo che è “l’orizzonte degli eventi”. Pensieri e azioni: forse, prima d’ogni epilogo, tutto “riaccade” a ciascuno di noi per un’ultima volta.  Un’originale ambiziosa invenzione letteraria, tra rimandi segreti, richiami speculari, echi, suggestioni e… buchi neri, per indagare, con una scrittura rigorosa e straordinariamente densa, sulla natura umana. Sul dolore ma anche, e soprattutto, sulla Bellezza.

    Alessandro Notarstefano 61 anni, siciliano, giornalista, è il direttore della “Gazzetta del Sud”, tra i maggiori quotidiani del Meridione.  Questo è il suo terzo romanzo, dopo Adelaide (1987), e Tradito dalla matita (1994).