• Home / CITTA / Catanzaro / Una domenica di primavera fuori città per il Gruppo FAI di Catanzaro: alla scoperta di alcuni borghi del Basso Ionio calabrese

    Una domenica di primavera fuori città per il Gruppo FAI di Catanzaro: alla scoperta di alcuni borghi del Basso Ionio calabrese

    Domenica 24 Aprile un gruppo di soci FAI di Catanzaro e provincia ha avuto modo di scoprire i borghi del Basso Ionio calabrese. In mattinata, il gruppo ha avuto l’opportunità di esplorare – grazie ad una passeggiata guidata a cura dell’Associazione “Syrleto Valley” – il centro storico di Guardavalle, camminando a passo lento tra antiche chiese, viuzze caratteristiche, torri e palazzi gentilizi. La mattinata si è conclusa presso la Locanda Cocintum dell’Agriturismo ‘A Lanterna di Monasterace (RC), con visita anche alle coltivazioni ed alle bellezze della struttura agricola-turistica con sede alle spalle del famoso faro di Punta Stilo.

    Nel pomeriggio, invece, il gruppo FAI si è spostato a Badolato borgo, dove grazie agli amici della community turistica “Badolato Slow Village”anch’essa affiliata all’A.Op.T. Riviera e Borghi degli Angeli” come gli operatori turistici guardavallesi e monasteracesi impegnati nell’organizzazione del programma della mattinata ha avuto modo di visitare la Chiesa ed il Convento Francescano di “Santa Maria degli Angeli” (luogo in cui da oltre 30 anni ha sede una Comunità Mondo X” e che – nei decenni – ha svolto un lavoro immenso e straordinario per il recupero e la riqualificazione della struttura appartenuta in passato ai monaci francescani).

    I tanti visitatori, con l’ausilio del giovane laureato dell’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro Dott.Giuseppe Mirijello, hanno avuto qui ammirato anche la famosa e fantastica macchina barocca della “Madonna degli Angeli musicanti”, recentemente restaurata dall’esperto restauratore Pino Mantella grazie al progetto “Arte e Fede” con sede presso il Museo Diocesano di Gerace (RC).