• Home / CALABRIA / Città metropolitana – Perrone (Cisl): “No alla querelle sulla governance, si ai contenuti”
    rosi perrone

    Città metropolitana – Perrone (Cisl): “No alla querelle sulla governance, si ai contenuti”

    “Non ci ha appassionato la discussione in atto in questi giorni né ci appassionano le recenti polemiche successive all’insediamento del consiglio metropolitano tra gli organi istituzionali. Bisogna parlare di contenuti, di aspetti pratici e concreti per il futuro e lo sviluppo del nostro territorio. Invece le polemiche politiche hanno preso il sopravvento. Ai cittadini metropolitani pensiamo interessi poco la governance del nuovo ente. Alla Cisl di Reggio Calabria interessano tanti altri aspetti, così come sono numerosi i punti di domanda. Perché la città metropolitana deve essere praticata e non parlata” . E’ quanto dichiarato da Rosi Perrone, Segretaria generale di Cisl di Reggio Calabria in un comunicato ufficiale. La Perrone si domanda intanto perché, a cominciare dall’aeroporto dello stretto, lo scalo è sempre meno appetibile e sono sempre più i cittadini, ad oggi fortemente penalizzati, che preferiscono altri punti di partenza, uno scalo poco efficiente ma con grandi potenzialità per i settori del turismo, cultura e delle startup.  Come faranno a svilupparsi politiche di crescita metropolitana visto il parziale utilizzo di una cosi grande infrastruttura ad oggi non pienamente valorizzata. Pone inoltre l’interrogativo sulla recente questione della metropolitana di Lima, fabbricati dalla reggina Hitachi, sono partiti per raggiungere la destinazione prevista dal porto di Salerno e non da quello di Gioia. “Se è un problema di costi, – si legge nella nota –  dobbiamo adoperarci sin da subito a trovare idonee soluzioni. Ed allora come possiamo avviare una seria discussione che comprenda concrete ipotesi di sviluppo se ci si limita solo ad interpretare la legge Del Rio e non si dibatte sull’innalzamento dei livelli occupazionali? La città metropolitana deve porsi questi e tanti altri quesiti ed individuare soluzioni, sin da oggi. É urgente un confronto, un dibattito con gli attori protagonisti dello sviluppo, sin da subito. Non possiamo perdere ulteriore tempo”.