• Home / CALABRIA / Magorno: “Oliverio con la sua squadra sta lavorando bene per la Calabria”

    Magorno: “Oliverio con la sua squadra sta lavorando bene per la Calabria”

    Il segretario regionale del Pd, proseguendo il suo intervento durante l’assemblea del partito calabrese, ha evidenziato che “il presidente della Regione Calabria sta operando bene e la sua squadra di governo con una giunta tecnica di profondo rinnovamento, di alto profilo e libera da vincoli, con competenza e determinazione, saprà lavorare per risollevare e far ripartire la nostra regione. L’Assemblea regionale del Pd, scrive l’Ansa, non può che valutare positivamente l’attività amministrativa svolta del Presidente Oliverio che come un moderno Solone è riuscito a cambiare le cose indirizzandole nel verso giusto non a parole ma con i fatti”.

    “E lo testimonia – ha proseguito – innanzitutto il significativo risultato ottenuto sottraendo alla revoca UE la quota di circa 1,4 miliardi di euro del programma 2007/2013. Il presidente Oliverio è riuscito nella difficile impresa di ottenere, in tempi rapidi, l’approvazione da Bruxelles del nuovo programma ed ha evitato che alla Calabria venisse revocata la prima annualità dell’Agenda 2014/2020. La riforma della Carta Statutaria regionale, l’avvio del riordino burocratico-amministrativo, l’applicazione del piano regionale anticorruzione,il commissariamento quasi generalizzato del sistema degli enti e delle aziende sub-regionali si iscrivono coerentemente nell’alveo riformista e sono finalizzati ad una intensa opera di risanamento e trasparenza. Le stesse emergenze sono state fronteggiate, in maniera coerente a tale profilo, a partire dallo straordinario impegno manifestatosi in occasione degli eventi alluvionali registrati a Rossano-Corigliano e in provincia di Reggio Calabria. Inoltre, la vicinanza e l’attenzione dimostrata dal Governo che è prontamente intervenuto, hanno dato ulteriore conferma della sinergia che c’è tra governo centrale e quello regionale. E va sfatato una volta per tutte il mito giornalistico di una forte incomprensione tra il Governo Renzi e la Regione Calabria. Perché non è così e il Governo lo ha dimostrato in più occasioni: basti pensare alla Direzione Regionale di agosto o alla Festa Nazionale dell’unità in cui si è discusso del Mezzogiorno e quindi anche di Calabria. Il Governo, con Renzi e con il Pd, ha riportato la Calabria nell’agenda politica nazionale ed è ritornato finalmente a parlare delle cose da fare, agendo con lo spirito costruttivo di cui l’Italia ha assolutamente bisogno e dando prova di serietà, una serietà che ha permesso al nostro Paese di ripartire”.

    “Le gravi carenze infrastrutturali di cui soffre la Calabria – ha aggiunto Magorno – rappresentano un ostacolo alla sua crescita e un rilancio del principale comparto economico della nostra regione, quale il turismo, non può prescindere dal potenziamento dei treni che ci collegano al resto d’Italia, dal ripristino delle corse ferroviarie drasticamente cancellate in questi ultimi anni e dalla realizzazione di una rete ad alta velocità così come dallo svilupparsi di nuovi collegamenti aerei. Va colmato l’ampio divario tra la straordinarietà delle risorse e la fragilità delle infrastrutture, quali viabilità e trasporti, che impediscono una completa fruizione del territorio. Il porto di Gioia Tauro può essere, infatti, il vero ‘cancello d’ingresso’ tra l’Europa e il Mediterraneo nel raccordo con le nuove rotte e con le grandi reti transnazionali europee. Per questo, vanno attuate adeguate politiche nazionali per le tasse di ancoraggio e le accise ma, soprattutto, va finalmente istituita una Zona Economica Speciale, sulla cui realizzazione il Governo nazionale ha garantito il massimo impegno”.