• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – Nuovo rinvio a giudizio per il consigliere regionale Mimmo Tallini
    Tallini, Renzi salta ancora Catanzaro, ha paura

    Catanzaro – Nuovo rinvio a giudizio per il consigliere regionale Mimmo Tallini

    Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Catanzaro, Assunta Maiore, ha rinviato a giudizio l’ex assessore regionale al personale, Domenico Tallini, con l’accusa di abuso d’ufficio in relazione alla mancata revoca in autotutela di una delibera per la prosecuzione degli incarichi di due dirigenti.

    Il processo inizierà il 23 luglio anche se la contestazione risale ad aprile 2014. Il giudice ha, tuttavia, prosciolto l’ex assessore regionale, difeso dagli avvocati Enzo Ioppoli e Francesco Scalzi, per l’altro capo d’imputazione relativo ad una presunta delibera illegittima per favorire la prosecuzione dell’incarico dei due dirigenti.

    E proprio su questo il consigliere regionale ha dichiarato: “La decisione del GIP riconosce pienamente la legittimità e la correttezza del mio operato come assessore regionale al personale. Non posso che esprimere soddisfazione per il chiaro e netto proscioglimento dal capo di imputazione principale, secondo il quale avrei fatto adottare alla Giunta regionale una deliberazione illegittima allo scopo di favorire la prosecuzione dell’incarico contro legge a due dirigenti di settore esterni alla Regione. Era questo il nodo centrale del procedimento. Il giudice ha stabilito, nella sua imparzialità, che il sottoscritto non ha proposto atti illegittimi. Non ho dubbi che nel processo che si celebrerà il prossimo 23 luglio i miei impareggiabili legali, avvocati Francesco Scalzi ed Enzo Ioppoli, riusciranno a dimostrare che anche per quanto riguarda l’altro capo di imputazione, strettamente legato al primo, il mio comportamento è stato corretto e lineare. Se la deliberazione di prosecuzione degli incarichi era legittima, come ha riconosciuto il GIP, non avrebbe avuto senso proporre la revoca in autotutela dello stesso atto. Resto in serena attesa del dibattimento di luglio, confermando la mia piena e totale fiducia nell’operato della magistratura”